Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Arrestato Giovanni Aiello, co-gestore del famoso bar
In casa aveva un fucile e numerosi panetti di droga

Il giovane imprenditore, manager dello storico caffè di viale Vittorio Veneto, è stato trovato in casa con alcuni strumenti per il confezionamento di sostanze stupefacenti, alcuni involucri di marijuana, hashish e una dose di cocaina. Durante una perquisizione nelle due abitazioni trovati anche due bilancini di precisione

Mattia S. Gangi

Un fucile Beretta calibro 28 e diversi panetti di droga tra hashish, marijuana e una piccola dose di cocaina nelle due case di proprietà. Questo il motivo che ha portato gli uomini della squadra mobile di Catania ad arrestare Giovanni Aiello, classe 1979, co-gestore insieme al fratello del Caffè Aiello di viale Vittorio Veneto, noto bar del centro cittadino e, in passato, punto di ritrovo dei giovani catanesi.

L'accusa, mossa dagli agenti, è quella di essere responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e di detenzione illegale di arma comune da sparo. A far scattare le manette, nella serata del 15 giugno, una perquisizione domiciliare nell'abitazione del ragazzo, in viale Vittorio Veneto dove gli agenti hanno trovato una busta di carta bianca con circa 130 grammi di hashish e un bilancino di precisione. Alla vista dei poliziotti Aiello ha provato, senza fortuna, a disfarsi di entrambi gli oggetti provando a lanciarli dalla finestra

Dopo i fatti, la polizia ha controllato anche la casa di campagna di Giovanni Aiello, dove sono stati trovati numerosi panetti di hashish, per un totale di un 1,4 chili, e diversi involucri di marijuana che pesavano in tutto un chilo e mezzo. Ma anche quattro grammi di cocaina, due bilancini di precisione e materiale per il confenzionamento. Per questo motivo, il giovane imprenditore è stato portato nel carcere di piazza Lanza a disposizione dell'autorità giudiziaria. Contattato dalla nostra redazione il fratello dell'arrestato, gestore anch'egli del bar, ha dichiarato di non aver letto la notizia e di non sapere nulla. L'attività commerciale, come il fratello, non risultano in alcun modo coinvolti nei fatti. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×