Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna bar, chiude lo storico locale di via Galermo
Stop attività per presunte irregolarità urbanistiche

A gennaio le forze dell'ordine etnee avevano apposto i sigilli, perché ritenevano che il locale fosse in mano a Cosimo Tudisco, pregiudicato ritenuto vicino al clan Cappello. Dopo mesi di amministrazione giudiziaria, oggi sarebbe arrivato un decreto di cessazione dell'attività emesso dal tribunale etneo

Mattia S. Gangi

Foto di: Giuliana Melia

Foto di: Giuliana Melia

Saracinesche abbassate e telefono che squilla a vuoto. Quella dell'Etna bar di via Galermo potrebbe non essere una semplice chiusura nel pomeriggio di un giorno feriale. Secondo indiscrezioni, sarebbe di queste ore la notifica di un decreto di cessazione attività ai danni dell'attività commerciale sequestrata a gennaio dalle forze dell'ordine. Da quanto si apprende, i motivi dell'immediato stop al lavoro sarebbero riconducibili a presunte irregolarità urbanistiche emerse durante il periodo dell'amministrazione giudiziaria. 

Per gli inquirenti, il reale gestore del bar sarebbe stato - fino a sei mesi fa - Cosimo Tudisco, pregiudicato ritenuto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi, che ne sarebbe stato il titolare di fatto. Nonostante le aziende collegate al bar fossero formalmente intestate alla sua giovane compagna, Rosaria Lanzafame, e a un altro uomo. «È un caso eclatante e palese di intestazione fittizia di beni - sostiene Ferdinando Buceti, dirigente della divisione Anticrimine della questura di Catania - Si è tenuta di recente un'udienza in tribunale e siamo a buon punto nel procedimento che speriamo porti alla confisca». 

Negli ultimi sei mesi, l'Etna bar è stato gestito dall'amministratore giudiziario nominato dal tribunale di Catania. Sarebbe stato l'esperto voluto dai magistrati a tentare di fare ordine nelle carte del noto locale cittadino. A rimanere coinvolti nella chiusura disposta oggi potrebbero essere i lavoratori del bar, che così vedrebbero a rischio il proprio posto. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×