Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giunta Bianco, sindaco assume quattro deleghe
In attesa del mini rimpasto dopo l'addio di Bosco

Turismo, Servizi cimiteriali, Welfare e adesso anche Lavori pubblici. Sono questi i settori ricoperti ad interim dal primo cittadino a cui spetta ora la nomina dei prossimi assessori. Una partita a scacchi per accontentare alcune aree lasciate insoddisfatte. Tra i nomi quelli di Carmelo Sofia ed Elisabetta Vanin

Mattia S. Gangi

L'addio di Luigi Bosco alla giunta comunale di Catania, comunicato contestualmente al suo nuovo incarico come assessore regionale, lascia scoperto un ulteriore nervo all'interno del governo della città, quello dei Lavori pubblici. Un ramo strategico per il quale Enzo Bianco e i suoi uomini dovranno trovare un degno sostituto, ferma restando la possibilità che il primo cittadino decida anche questa volta di assumere la carica ad interim, così come già fatto per i Servizi sociali. Anche se, come si vocifera tra i corridoi del municipio, l'arrivederci dell'ingegnere Bosco sarebbe stato un regalo per il sindaco che, in questo modo, avrebbe ben due poltrone disponibili per accontentare le forze politiche che lo sostengono. Non esistendo attualmente più il gruppo consiliare del Megafono, movimento di riferimento dell'ex assessore, potrebbero essere altre le aree a cui fare riferimento, come, per esempio quella di Articolo 4 che nonostante abbia Nuccio Lombardo alle Attività produttive, è rimasta orfana della presidenza dell'Amt, in seguito alle dimissioni di Puccio La Rosa. O, ancora, quella di Sicilia Futura attualmente non rappresentata in giunta. 

Altro grande settore lasciato sostanzialmente senza vertice dall'aprile scorso è quello dei servizi sociali, quando Angelo Villari - già successore dello psichiatra Fiorentino Trojano ha abbandonato palazzo degli Elefanti in vista di una probabile candidatura all'Assemblea regionale siciliana. Mossa salutata con disappunto sia dalle opposizioni che dalle diverse realtà sociali che dipendono attualmente dal Comune e che, in questi anni, sono in sofferenza per le difficoltà economiche dell'ente. Per colmare questo vuoto Bianco potrebbe iniziare un nuovo ragionamento con l'area Cgil del Partito democratico, casa dello stesso Villari, o pensare ad altri nomi. Tra questi, i rumors vorrebbero come papabili i consiglieri Elisabetta Vanin e Carmelo Sofia, o Emiliano Abramo della comunità di Sant'Egidio che però, come pare, avrebbe gentilmente declinato l'offerta. 

La mancanza di una linea politica organica, dovuta anche al cambio dei vertici, ha costretto i dirigenti a una gestione dell'ordinario che ha fatto incassare all'amministrazione magri risultati, come la delibera sugli asili nido, il progretto Asacom e il regolamento unico arrivato al vaglio del Consiglio. «La mancanza di una persona ben definita alla guida di questo settore è un fatto molto grave - spiega Sebastiano Anastasi, membro della commissione Servizi sociali - Problemi che potrebbero essere risolti in pochissimo tempo diventano insormontabili. L'assessore infatti - spiega ancora il consigliere - fa da collante, da spola tra tutti gli uffici, mentre adesso si è costretti a navigare a vista». Gli unici obiettivi raggiunti, secondo il rappresentante dell'opposizione, sono stati possibili grazie a «finanziamenti regionali, europei e nazionali intercettati da tre funzionari che sono molto bravi a fare il loro lavoro». Per questo motivo Anastasi ha minacciato di occupare l'aula durante la prossima seduta: «È una chiamata alle armi, se nessuno mi segue lo farò da solo».

Ci sono infine alcune deleghe avvolte da un alone di mistero. Si tratta in primo luogo di quella al Turismo, prima di Orazio Licandro e poi passata nelle mani di Enzo Bianco non si sa bene per quale meccanismo e, in secondo luogo, di quella ai Servizi cimiteriali, una volta appartenuta a Saro D'Agata che ha spiegato a MeridioNews: «Io ne avevo troppe, per questo motivo il sindaco ha ritenuto opportuno sgravare un attimo la situazione». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×