Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Riposto, ferito da colpi arma ad aria compressa
Aggredì uomo nel 2015 con mazza da baseball

Pregiudicato per aver picchiato un uomo due anni fa, Orazio Vincenzo Alfonso è stato ferito all'addome oggi pomeriggio. L'avvocata dell'uomo conferma che non si trova attualmente in pericolo di vita e che a colpirlo non sarebbe stata una pistola tradizionale. «Non ci sono testimoni», sostiene

Mattia S. Gangi

Si chiama Orazio Vincenzo Alfonso, pregiudicato 41enne di Riposto, l'uomo finito al pronto soccorso dell'ospedale Santa Venera di Acireale per alcune ferite all'addome. Come riporta il quotidiano Livesicilia Catania, che ha dato la notizia, il fatto sarebbe accaduto nel primo pomeriggio e dopo essere stato trasportato al punto d'emergenza di Giarre, il ferito è stato trasferito nel presidio sanitario acese, unica struttura dotata di un reparto di pronto intervento nella zona. 

Come conferma l'avvocata Marisa Ventura, che ha difeso l'uomo in un precedente processo, a raggiungere Alfonso al ventre sarebbero stati dei proiettili provenienti da un'arma ad aria compressa. «Non sappiamo molto sull'accaduto, né sull'autore del gesto - racconta la legale a MeridioNews - I medici hanno chiarito che non si tratta di un'arma da fuoco, ma al momento il mio assistito è in sala operatoria, fortunatamente non in pericolo di vita, e non è stato in grado di riferire nulla alle forze dell'ordine. Tra l'altro, non ci sono testimoni». Sul fatto, attualmente, indagano i carabinieri della compagnia di Giarre, diretti dal comandante Luca Leccese.

Nell'agosto del 2015 Alfonso avrebbe provato a travolgere un uomo con la propria vettura. Fallito il tentativo, si sarebbe diretto verso la vittima armato di mazza da baseball per poi colpirlo alla testa e alle braccia. All'epoca a vittima era stata portata all'ospedale di Acireale mentre l'aggressore nel carcere di piazza Lanza, a Catania, con l'accusa di tentato omicidio e violenza privata. Reati poi derubricati a lesioni, per le quali ha scontato circa due anni ed è tornato in libertà il 9 aprile scorso. Alla base dell'aggressione di due anni fa ci sarebbero stati antichi contrasti nati da una querela presentata dalla vittima nei confronti di Alfonso

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×