Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Privatizzazione: «Con l'acqua o con i ladri?»

Quali sono gli interessi economici che ruotano attorno alla gestione delle risorse idriche in Sicilia? E quali potrebbero essere i rischi della privatizzazione dell'acqua? Questi i temi del dossier "I privati dell'acqua", prodotto da Lavori in Corso e presentato lo scorso mercoledì sera presso la sede di Città Insieme

Paola Roccella

È il dato di fatto che «non si parla abbastanza dell'acqua» a motivare la realizzazione di un dossier sulla privatizzazione dell'acqua in Sicilia, a cura dell'associazione Lavori in corso. “I privati dell'acqua" è il titolo dell'inchiesta presentata lo scorso mercoledì sera, in via Siena 1, sede dell'associazione Città Insieme.

I relatori e il moderatore dell'incontro, Giuseppe Scatà di “U Cuntu”, hanno incontrato il pubblico per spiegare in modo semplice quali sono i problemi reali che riguardano la gestione idrica in Italia e, soprattutto in Sicilia, e per analizzare i risultati del lavoro svolto visionando documenti e registri ufficiali.

Ciò che è stato più volte sottolineato è la necessità, da parte dell'opinione pubblica, di reagire alla situazione attuale in cui versa il bene-acqua in Sicilia. Un tema delicato, riguardo al quale la verità non è facilmente rintracciabile: gli interessi del privato nei confronti del pubblico, la storia lo insegna, non sono necessariamente nati nel segno della legalità e della trasparenza.

«La situazione generale è grave, ma lo è ancora di più in Sicilia. L'acqua è un bene su cui convergono tutta una serie di interessi, economici, ma non solo. Siamo davanti a una vera e propria spartizione», così Carlo Ruta, uno degli autori del dossier, introduce il suo primo intervento.

Ruta prosegue illustrando il nodo della situazione: «In passato l'acqua era gestita dall'Ente Acquedotto Siciliano e quindi attingeva dai fondi della Regione e dalla Cassa del Mezzogiorno. Già allora si facevano grandi affari sulla gestione di dighe e acquedotti e la mafia tentava di estendervi il proprio dominio. Ma quello che si sta rischiando adesso è che il bene pubblico passi definitivamente al privato. Io dico che ci sono tutte le motivazioni perché l'opinione pubblica insorga».

Da queste riflessioni emerge il dato veramente preoccupante e paradossale in se stesso. Si auspica un ritorno alla gestione pubblica dell'acqua, ma è pur vero che «il pubblico, in Sicilia, non ha mai dato garanzie di legalità assolute. L'EAS (Ente Acquedotto Siciliano) passava da uno scandalo all'altro. Quindi in realtà usciamo da una gestione pubblica “privatizzata”. Quello che noi auspichiamo è che si ritorni a una gestione pubblica, ma che non sia la stessa di 30, 40 anni fa».

A prendere la parola in seguito è Sara Giorlando, del Forum Catanese Acqua Pubblica. È lei che illustra il problema della nascita delle ATO (in seguito alla legge Galli del '94) e come questa abbia segnato una prima fase di passaggio verso la privatizzazione. Infatti, «da un lato esse hanno tolto il potere gestionale ai comuni, dall'altro hanno introdotto la tariffa che deve contenere una remunerazione del 7 % del capitale a chi la gestisce. L'acqua diviene così un bene su cui fare profitto».

Piero Cimaglia, che si è occupato di controllare i bilanci della SIDRA, rende noto al pubblico che «relativamente all'anno 2008 ho potuto constatare una cifra di indebitamento pari a 50 milioni di euro, cioè il doppio della produzione annuale. E il più grosso debitore della Sidra è proprio il Comune di Catania che vanta crediti per 30 milioni di euro. Il problema si potrebbe risolvere solo se la Sidra colpisse i morosi e il Comune pagasse i propri debiti».

Un continuo trasferimento di fondi pubblici a privati dunque, che riguarda non solo l'acqua, ma i fondi pensione, l'energia e molte altre risorse pubbliche. A questo proposito, Sara Orlando aggiunge: «Noi vogliamo che, partendo dall'acqua, si riesca a creare una nuova e corretta gestione di tutti i beni comuni».

Barbara Crimaudo, in conclusione, fa riferimento a un importante risultato ottenuto nell'ambito del Primo Forum sull'acqua del 2003 svoltosi a Ragusa, durante il quale si è riusciti a ottenere con la non violenza una prima importante vittoria in merito al tema della privatizzazione: «Siamo andati a parlare con gli amministratori e siamo riusciti a fare cambiare loro scelta. La realtà è che molto si potrebbe fare, ma oggi si sono persi di vista l'importanza e il valore di chi fa attivismo. Tutti possiamo essere attivisti, ciascuno di noi, con le giuste idee, è movimento. Si tratta solo di scegliere: o si sta con l'acqua o si sta con i ladri».

Insomma, è dovere dei cittadini rivendicare i propri diritti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×