Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ivan e Francesco, da Controvento a Barcellona
«Disabili sono risorse importanti per la società»

È stata un’esperienza di apprendimento e inserimento lavorativo quella che i due ragazzi catanesi affetti da sindrome di down hanno svolto in un ostello spagnolo. «Vogliamo dimostrare che il progetto è realizzabile anche in Sicilia», dice a MeridioNews Daniele Casella, presidente della cooperativa

Giorgia Lodato

C’è un ostello, a Barcellona, ricavato in un ex edificio scolastico, all’interno di un parco naturale. Una struttura gestita per il 99 per cento da soggetti con disabilità fisica o cognitiva. Lì sono stati accolti dal 29 maggio al 21 giugno scorsi i catanesi Ivan e Francesco, 24 anni il primo e 25 il secondo, per svolgere il terzo dei sei tirocini formativi e lavorativi previsti dal progetto Leonardo, promosso dall'Aipd (associazione italiana persone down) in collaborazione con la sede di Catania e la cooperativa Controvento.

L’esperienza all’In out Hostel - che fa parte del progetto Trabajadores en camino, finanziato dal programma comunitario Erasmus plus – vuole essere anche e soprattutto un invito a una futura apertura da parte della città di Catania a iniziative del genere, che finora non è stato possibile realizzare nonostante gli sforzi e le continue richieste agli albergatori del territorio. Per ventitré giorni Ivan e Francesco, in compagnia di Andrea e Davide della sezione Aipd di Pisa e di due accompagnatori, hanno lavorato nel settore alberghiero, aggiungendo un passo importante nel percorso di autonomia che portano avanti tutto l’anno con la cooperativa Controvento.

«I ragazzi - racconta il presidente della cooperativa Daniele Casella - si sono preparati alla partenza innanzitutto a livello linguistico, lo scoglio più difficile da superare, imparando lo spagnolo base e il vocabolario del settore alberghiero». A cui è seguita la preparazione sulle mansioni da svolgere all’interno dell’ostello. Ivan ha lavorato esclusivamente come cameriere di sala, mentre Francesco si è alternato provando anche l’esperienza della gestione delle camere. Daniele, invece, si è occupato del tutoraggio e della mediazione tra i lavoratori e gli stagisti, monitorando le attività e aiutando i ragazzi nello svolgimento dei compiti assegnati.

I due stagisti non si sono fatti trovare impreparati e se la sono cavata egregiamente. Merito della continua attenzione che i volontari rivolgono nei loro confronti, puntando molto sull’autonomia del gruppo. «Tutto l’anno seguiamo dei percorsi di autonomia a livello personale, sociale e di inserimento lavorativo. A Barcellona - continua Casella - si sono trovati benissimo dal punto di vista lavorativo grazie alla struttura organizzata su misura per i ragazzi disabili, ma anche sotto l'aspetto ludico, per le numerose opportunità offerte dalla città. Siamo usciti, abbiamo girato il centro, siamo andati a mare usando i mezzi pubblici, abbiamo visitato musei e mangiato fuori. I ragazzi hanno persino preparato le lasagne per fare assaggiare un piatto tipico italiano».

Una prova di autonomia a 360 gradi, che potrebbe rappresentare anche la base per un progetto più stabile e continuativo. «Ivan e Francesco sono tornati con una carica che nel viaggio di ritorno si è un po’ affievolita. Si chiedono se sia possibile realizzare una realtà del genere qui in Sicilia». Serve innanzitutto il supporto del Comune, della politica o di qualcuno che sposi il progetto. Che non solo è realizzabile, ma - a differenza di altri progetti sociali che si esauriscono con la fine dei finanziamenti -  sarebbe un investimento per permettere al progetto di camminare sulle proprie gambe una volta lanciato. «Lo spero tanto - conclude Daniele - sennò restiamo sempre bloccati a farli dipingere e disegnare, senza poter dimostrare che questi ragazzi sono una vera risorsa per la nostra società».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews