Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bronte, vandali in azione in alcuni locali dell'ospedale
Spampinato: «Gesto criminale, ora video sorveglianza»

Questa notte qualcuno è entrato nel nosocomio cittadino e ha imbrattato il reparto di Pediatria e altre stanze con vernici che si trovano lì per via di lavori in corso. Su alcuni muri sono inoltre comparse frasi senza senso scritte con bombolette spray. Rabbia e delusione per il direttore medico del Distretto. Guarda le foto

Luigi Saitta

Torna agli onori della cronaca l’ospedale di Bronte, purtroppo per gli atti di vandalismo perpetrati ieri nelle scale del reparto di Pediatria, oltre che nel corridoio e negli spogliatoi degli anestesisti. Qualcuno, di notte, è entrato nel plesso, probabilmente dal cancello di via Francesco Aidala, e dopo avere scassinato la porta di un deposito di vernici usate per i lavori di ristrutturazione - attualmente fermi - ne ha presi alcuni imbrattando muri e pavimenti dei locali. 

Un gesto che appare intenzionale. Chi è entrato lo ha fatto con la consapevolezza di trovare barattoli di vernice, e ha pure portato con sé delle bombolette spray, impiegate per scrivere frasi senza senso su alcuni muri. 

Deluso il direttore medico del Distretto Giuseppe Spampinato: «Un gesto da criminali, che danneggia un intero territorio. In mattinata abbiamo ripulito le macchie, e a breve spero di poter sistemare delle telecamere, in modo da avere tutto sotto controllo, cosa impedita finora dalla contrarietà dei sindacati”. 

In effetti era previsto un sistema di video sorveglianza, ma l'ipotesi era stata respinta, un rifiuto fondato sulla legge che tutela la privacy sul posto di lavoro, per la quale i dipendenti non possono essere ripresi. D'altro canto l’azienda non può permettersi di pagare delle guardie giurate. Resta l’amarezza per un gesto inutile, per altro compiuto ai danni di un ospedale che deve fronteggiare problematiche più serie. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×