Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Migranti, arrivati in 494 su nave Ong spagnola
Una bambina ustionata al viso, tanti minorenni

Sara ha poco meno di due anni e un cerotto sul viso. Si vede solo questo mentre viene portata in braccio, dal personale della Croce rossa, dentro l'ambulanza che la porterà in ospedale. È arrivata sulla Golfo azzurro della organizzazione non governativa Proactiva open arms, che ha attraccato questa mattina al porto di Catania

Luisa Santangelo

Sara ha poco meno di due anni e un cerotto sul viso. Probabilmente un'ustione, come molti altri migranti, dicono i volontari che l'hanno vista passare - in braccio al personale della Croce rossa - prima che venisse portata in ambulanza in ospedale. È arrivata sulla Golfo azzurro della organizzazione non governativa spagnola Proactiva open arms, che ha attraccato questa mattina alle 8 al porto di Catania con il suo carico di 494 persone: molti minorenni non accompagnati, tante famiglie tutte insieme. Molti vengono da Costa D'Avorio, Nigeria e Sudan. Non se ne ha ancora la certezza, ma i dubbi sono pochi: la madre di Sara potrebbe essere morta in mare. Non è ancora chiaro se per le difficoltà della traversata o vittima di un incidente a bordo di un gommone: il natante avrebbe iniziato a imbarcare acqua, sgonfiandosi piano piano con il suo carico di persone. I cittadini che hanno perso la vita, in totale, sono stati otto. Che dalla nave Aquarius della Ong Sos Mediterranée sono stati trasbordati sulla nave Vos hestia di Save the children: sulla prima imbarcazione non c'erano le celle frigorifere per i cadaveri

Non è chiaro per quale motivo il gommone abbia cominciato ad affondare. Di solito, dicono i volontari, capita quando qualcuno inizia a muoversi troppo e tutte quelle persone che si spostano su una barca precaria ne aggravano le condizioni. In questa circostanza, però, i racconti di chi è appena arrivato nel capoluogo etneo sembrano essere unanimi: i migranti dicono che erano calmi e che non si stavano muovendo, quando hanno cominciato ad andare giù. «Bisogna parlare con loro in momenti più tranquilli, meglio di come si possa fare adesso», spiega chi lavora con le organizzazioni umanitarie che aiutano le operazioni di sbarco al molo di Levante

Sin dalle prime ore della mattina, assieme alla Croce rossa, ci sono Save the children e l'Unhcr. La giornata è caldissima: sulla banchina la temperatura supera i 35 gradi, molti ragazzi sono scalzi. Ricevono delle infradito da indossare, si coprono la testa con dei pezzi di cartone in attesa di essere identificati. Le operazioni continueranno fino a stasera.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×