Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pistole e kalashnikov all'interno di un borsone
Fermate due persone, denunciato incensurato

L'arsenale è stato scovato in via Sardegna, nei pressi del corso Indipendenza. Roberto Zucchero e Sebastiano Aliotta sono stati traditi dal loro fare sospetto mentre si apprestavano a caricare l'armamentario all'interno di una macchina. Dopo una perquisizione i militari hanno scoperto anche della droga. Guarda il video

Redazione

Stavo per effettuare un trasporto di armi ma sono stati scoperti. Roberto Zucchero e Sebastiano Aliotta così sono finiti in manette dopo un controllo dei militari della guardi di finanza nel quartiere di San Berillo nuovo, zona corso Indipendenza. I due stavano per effettuare lo spostamento di un mitragliatore AK-47, tre revolver, una pistola semiautomatica e circa 500 cartucce di vario calibro. I due, secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, disponevano anche di alcuni passamontagna, bilancini di precisione e un chilo di marijuana. Denunciato pure un uomo incensurato.

L'operazione si è concretizzata quando i militari hanno notato Zucchero e Aliotta con fare sospetto, intenti a caricare un borsone in un'autovettura parcheggiata in via Sardegna. Dopo la scoperta i finanzieri hanno passato in rassegna alcune abitazioni dello stabile da dove erano usciti i due uomini. La marijuana pesava complessivamente più di un chilo per un valore al dettaglio di oltre seimila euro

Dall’inizio dell’anno a oggi i peparti del comando provinciale di Catania hanno sequestrato oltre 148 chilogrammi di sostanze stupefacenti, denunciando 141 responsabili, 13 dei quali tratti in arresto. Informata la procura, i due sono stati tratti in arresto e accompagnati nella casa circondariale di piazza Lanza, a Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×