Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. Licodia, morto 43enne di Adrano sulla 284
Scontro frontale tra suo scooter e un autocarro

P. S., sposato con tre figli, ha perso la vita questa mattina lungo la strada statale. Procedeva in direzione del capoluogo etneo a bordo del suo scooter quando, per motivi ancora da accertare, si è scontrato con un mezzo pesante che andava in direzione opposta. Sul posto alle 10 sono arrivati i familiari

Salvatore Caruso

È il 43enne Patrizio Scravaglieri di Adrano la vittima dell'incidente mortale avvenuto intorno alle sette di questa mattina sulla strada statale 284, in territorio di Santa Maria di Licodia. L'uomo viaggiava su uno scooter in direzione Catania e si è scontrato frontalmente con un autocarro che andava in direzione opposta. Il conducente non si sarebbe fermato, salvo presentarsi al comando dei carabinieri di Biancavilla. L'impatto è stato violentissimo: il 43enne, spostato con tre figli, avrebbe riportato traumi di gravissima entità e sarebbe morto sul posto pochi istanti dopo l'incidente. I familiari sono arrivati in zona intorno alle 10.

Scravaglieri si stava recando al lavoro a bordo del suo scooter, un Honda Sh 300. L’uomo indossava il casco di protezione. L’incidente è avvenuto all’uscita di una curva, dopo un rettilineo lungo oltre cinque chilometri: il conducente del mezzo a due ruote si è visto di fronte un furgone che transitava nella carreggiata opposta. Il guidatore dell’autocarro, per cause ancora in fase di accertamento (tra le ipotesi ci sarebbero un sorpasso azzardato o una distrazione) avrebbe invaso la corsia su cui viaggiava l’Honda Sh 300. I due mezzi, che andavano a velocità non certo moderata, si sono toccati di quel tanto che ha fatto perdere il controllo del mezzo a Patrizio Scravaglieri. L’uomo, assieme al motorino, è scivolato per almeno 50 metri lungo l’asfalto, andando a sbattere violentemente contro il guard-rail laterale della statale.

Il furgone appartiene alla ditta che si sta occupando del montaggio delle luminarie a Biancavilla in occasione delle feste patronali di San Placido. Il guidatore sarebbe scappato, per poi presentarsi alla caserma dei carabinieri. I militari stanno verificando la ricostruzione fornita dall’uomo, il quale avrebbe affermato che, nonostante fosse andato via dall’incidente senza fermarsi, avrebbe allertato i mezzi di soccorso. La sua posizione è ora al vaglio delle forze dell'ordine: rischia una denuncia o addirittura l'arresto per omicidio stradale.

Sul posto si sono portati i carabinieri della compagnia di Paternò per i rilievi e la polizia stradale di Randazzo per deviare il traffico. L'Anas ha poi istituito il senso unico alternato tra il chilometro 33 e il chilometro 34. Si tratta dell'ennesimo incidente mortale su una strada, la Occidentale etneaconsiderata una delle più pericolose dell'hinterland e segnata da una lunga scia di sangue.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×