Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incidente Biancavilla, rilasciato autista del camion
Ipotesi omicidio stradale. È originario di Misilmeri

L'uomo, dopo il fermo, è stato rimesso in libertà. A suo favore il fatto di essersi fermato dopo l'incidente e l'avere avvertito i soccorsi. La salma di Patrizio Scarvaglieri si trova invece all'ospedale Cannizzaro dove il medico legale effettuerà degli accertamenti come disposto dalla procura

Salvatore Caruso

I militari della stazione dei carabinieri di Santa Maria di Licodia hanno arrestato, nella tarda serata di ieri, e successivamente rilasciato un uomo di 33 anni, originario di Misilmeri (Palermo), con l’accusa di omicidio stradale. L’uomo era alla guida del furgone Iveco che ieri mattina avrebbe provocato l’incidente sulla strada statale 284, in territorio licodiese, in cui ha trovato la morte il 40enne adranita Salvatore Scravaglieri, conosciuto ad Adrano da tutti come Patrizio, mentre era alla guida del suo scooter Honda Sh 300

Il 33enne è un dipendente della ditta palermitana che si sta occupando del montaggio delle luminarie a Biancavilla, in occasione delle feste patronali di San Placido. L'uomo avrebbe raccontato ai carabinieri la dinamica dell’incidente. Al momento del sinistro transitava lungo la carreggiata in direzione Adrano e stava effettuando un sorpasso, nei pressi di una curva, che si è concluso lungo corsia opposta, dove il 33enne è riuscito a evitare l’impatto con l’autovettura che sopraggiungeva, ma non quello con il mezzo di Scravaglieri. 

L’uomo, assieme al motorino, è scivolato per almeno 50 metri lungo l’asfalto, andando a sbattere contro il guard-rail laterale. Il conducente del furgone avrebbe proseguito il suo viaggio ma solo perché in quel tratto di strada non gli isarebbe stato possibile accostare. Il 33enne, da quanto dichiarato, avrebbe arrestato la sua corsa all'interno della prima piazzola di sosta, che si trova a pochi chilometri dal luogo dell’incidente. Da qui avrebbe allertato i mezzi di soccorso

La magistrata Michela Maresca, che sta seguendo il caso, ha deciso di mettere sott'inchiesta l'uomo che, dopo il fermo iniziale, è stato rilasciato in quanto non ci sarebbero i presupposti per un pericolo di fuga o per la reiterazione del reato. La salma di Scravaglieri si trova nella camera mortuaria dell'ospedale Cannizzaro, dove nelle prossime ore il medico legale, incaricato dalla Procura di Catania, dovrebbe procedere o all'ispezione cadaverica o all'esame autoptico.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×