Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Polizia, il punto del sindacato su sicurezza in città
Il segretario: «A Catania c'è anarchia istituzionale»

Tra carenza di organico e conseguente mancanza di controllo sul territorio catanese, il sindacato di polizia Siap ha fatto il punto sulle condizioni in cui versa il corpo e sulle novità riguardanti il riordino delle carriere e la retribuzione degli straordinari. Dal quadro emerso, le criticità sono tante

Ornella Balsamo

Riordino delle carriere e nuovo contratto di lavoro, risoluzione delle criticità emerse nel capoluogo etneo e aumento del controllo sul territorio: sono questi i quattro temi caldi affrontati questa mattina nel corso dell'assemblea sindacale del Siap, il sindacato italiano appartenenti polizia, presieduta dal segretario provinciale Tommaso Vendemmia. «Dal primo ottobre è iniziata una nuova fase di assestamento, propedeutica al riordino vero e proprio che avverrà tra cinque anni – spiega Vendemmia – con un aumento delle buste paga che sarà proporzionale al tipo di carica ricoperta e che avrà effetto anche sul contratto. Si tratta di un risultato su quale tutti i sindacati hanno lavorato in maniera congiunta». Per il segretario Siap l'aumento, che avrà un ammontare medio di 85 euro a busta paga, non risolve certamente i tanti problemi che da anni affliggono il corpo della polizia di Stato, ma è un passo in avanti in direzione del riordino, che definisce «una svolta importante, un po' come è stata la legge 121», facendo riferimento all'ordinamento della pubblica sicurezza del 1981.

Per quanto riguarda la città di Catania, Vendemmia si esprime senza mezzi termini: «Qui vige una situazione che io definisco di anarchia istituzionale: lo abbiamo visto con l'aggressione al vigile Luigi Licari, e lo vediamo ogni volta che c'è uno sbarco: i vari corpi – carabinieri, municipale, polizia, e via discorrendo – lavorano ognuno per i fatti propri, senza coordinarsi tra loro. Operando in queste condizioni, non siamo preparati a collaborare». E al problema dell'assenza di un coordinamento sul territorio si aggiunge quello del sottodimensionamento dell'organico impiegato: «Ci impegniamo a chiedere l'aumento dell'ordine pubblico, al momento affidato totalmente alla questura, che si trova oberata di lavoro ogni volta che si verifica uno sbarco o in occasione delle partite di calcio; bisogna anche risolvere la spinosa questione degli straordinari, che sono alla base del lavoro in polizia: la nostra squadra mobile lavora quasi totalmente di straordinari, altrimenti servirebbero il doppio delle risorse. E si occupa di tutto, non solo di omicidi o mafia, ma anche delle singole emergenze cittadine, dallo scippo all'aggressione. Per non parlare della carenza di unità mobili: ci sono cinque commissariati e neanche altrettante unità disponibili durante la notte. Sta ai dirigenti avere la capacità di far funzionare il dipartimento».

Sulla sicurezza pubblica a Catania, Vendemmia parla di «casi di violenza gratuita, che sono un sintomo di debolezza, il risultato di scelte poco lungimiranti avviate anni fa». E sulle aggressioni ai danni di medici al pronto soccorso, autisti, vigili e ai tanti altri che si trovano a operare sul territorio, Tommaso Vendemmia dichiara a MeridioNews: «Si tratta a mio parere della conseguenza di una diminuzione costante di controllo sul territorio, ci sono troppi tavoli di ordine e sicurezza pubblica indetti dalla prefetta ai quali poi non si decide nulla». Ma le aggressioni, secondo Vendemmia, «sono anche il sintomo di un degrado sociale che è sorto perché i quartieri sono stati abbandonati: il Vittorio Emanuele si trova in un quartiere difficile ma la soluzione non è andare a militarizzare l'ospedale, ma piuttosto concentrarsi su specifici parametri di organizzazione in caso di emergenza da impartire allo stesso personale sanitario e investire sulle guardie particolari giurate e fare in modo che le regole sull'ingresso nel nosocomio, da limitarsi al paziente e a uno e un solo accompagnatore, vengano rispettate». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×