Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Double track, rapimenti per saldare debiti di droga
Stupefacenti dalla Calabria e rivenduti a Palermo

Ventitré persone arrestate e due rimaste latitanti. Sono i numeri dell'operazione messa a segno oggi dalla squadra mobile di Catania, contro un gruppo ritenuto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi. Al centro delle attività lo spaccio di cocaina, hashish e marijuana. E il recupero crediti tramite sequestri di persona. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Se non avesse cominciato a collaborare con la giustizia, nell'ordinanza di custodia cautelare dell'operazione Double track ci sarebbe anche lui: Sebastiano Sardo, detto Iano occhiolino, l'Andrea Nizza dei Carateddi in quanto a carisma in un ruolo di comando. Invece il 31enne - che a gennaio 2017 era finito contemporaneamente sotto la lente d'ingrandimento degli inquirenti di Catania Messina - si è pentito. Le sue dichiarazioni, però, con gli arresti di oggi non c'entrano ancora. A finire in manette 23 persone: di due - latitanti - non sono state diffuse le generalità. Tra gli altri, invece, il nome che ricorre dall'inchiesta Wink - quella che aveva fatto emergere il ruolo di Sardo - è quello di Francesco Troina, classe 1971, detto Kawasaki, già detenuto per altri motivi. Le accuse per i 25 indagati, a vario titolo, sono di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, detenzione ai fini di spaccio e sequestro di persona. In alcuni casi, ad aggravare le accuse c'è l'associazione mafiosa del clan Cappello-Bonaccorsi.

Mattea Barbera, classe 1973, pregiudicata. Disposti gli arresti domiciliari

Filippo Beninato, classe 1990, pregiudicato

Ramona Santa Boncaldo, classe 1991, pregiudicata. Disposti gli arresti domiciliari

Giuseppe Cacciola, classe 1986, pregiudicato. Già detenuto per altra causa

Gregorio Cacciola, classe 1958, pregiudicato. Già detenuto per altra causa

Fabio Comito, classe 1979, pregiudicato. Disposti gli arresti domiciliari a Palermo

Consolato Salvatore Coppola, classe 1968, pregiudicato. Già detenuto per altra causa

Manuel D'Antoni, classe 1988, pregiudicato. Disposti gli arresti domiciliari a Palermo

Giosafatte Giuseppe Elia, detto Pinu Elia, classe 1974. Pregiudicato, già detenuto per altra causa

Pasquale Francavilla, classe 1975, pregiudicato, già detenuto per altra causa

Simone Guglielmino, classe 1993, pregiudicato, già detenuto per altra causa

Onofrio Lo Nigro, classe 1973, pregiudicato. Disposti gli arresti domiciliari a Palermo

Gabriele Lo Pinto, classe 1983, pregiudicato. Disposti gli arresti domiciliari a Palermo

Francesco Pellegriti, classe 1959, pregiudicato

Marco Perna, classe 1974, pregiudicato. Già agli arresti domiciliari, preso a Cosenza

Pietro Privitera, classe 1978, pregiudicato. Già affidato ai servizi sociali, arrestato a Messina

Daniele Mirco Pucci, classe 1984, pregiudicato. Arrestato a Cosenza

Antonino Ivano Santangelo, classe 1989, pregiudicato. Già detenuto per altra causa

Domenico Cristian Santonocito, classe 1988, pregiudicato

Davide Nunzio Scrivano, classe 1986, pregiudicato

Giuseppe Treccarichi Scauzzo, classe 1965, pregiudicato

Francesco Troina, detto Kawasaki, classe 1971. Pregiudicato, già detenuto per altra causa

Rocco Tutone, classe 1978. Pregiudicato, già sottoposto ai domiciliari a Palermo

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, la droga arrivava dall'estero a Cosenza e Gioia Tauro (provincia di Reggio Calabria) e da lì veniva inviata a Catania. Erano i catanesi, però, a rivendere gli stupefacenti nelle province di Siracusa e Palermo. Un business che si sarebbe retto grazie a un'organizzazione precississima: Giuseppe e Gregorio Cacciola (entrambi pregiudicati, rispettivamente classe 1958 e 1986), fornitori reggini; Giosafatte Giuseppe Elia (detto Pinu), Pasquale Francavilla, Marco PernaDanilo Pucci (arrestati a Cosenza), tra i fornitori cosentini. Da questi ultimi, la droga sarebbe arrivata a un gruppo di Paternò, composto da Consolato Salvatore Coppola, Francesco Pellegriti (autista di mezzi pesanti), Pietro Privitera e Domenico Cristian Santonocito.

Il grosso, però, sarebbe stato dovuto ai contatti con i fornitori provenienti dalla piana di Gioia Tauro. Che avrebbero fatto riferimento diretto agli accusati di collaborare col clan Cappello-Bonaccorsi: madre e figlia Mattea Barbera e Ramona Santa Boncaldo, che si sarebbero occupate di custodire e confezionare la droga; Simone GuglielminoAntonino SantangeloNunzio Scrivano, Francesco Troina, Filippo Beninato e Giuseppe Traccarichi Scauzzo. Sono loro, secondo gli inquirenti, a gestire i rapporti con i palermitani a cui smerciare hashish, marijuana e cocaina importata in Sicilia dalla Calabria. A prenderla in consegna, nel capoluogo regionale, sarebbero stati Fabio Comito, Manuel D'Antoni, Rocco Tutore, Gabriele Lo Pinto e Onofrio Lo Nigro.

Ogni tanto, però, i rapporti tra gruppi si fanno tesi. E in quelle circostanze, per la magistratura, il gruppo di cui Iano occhiolino sarebbe stato il capo agiva con «particolare efferatezza». Ricorrendo allo strumento del sequestro di persona per ottenere il pagamento di un debito. Così il 3 marzo 2016, a Torvajanica (in provincia di Roma), un pasticcere di 63 anni era stato costretto con una pistola a salire su una Mercedes per via di una partita di droga non pagata da uno dei suoi figli: 130mila euro e spicci. Per quel rapimento a scopo di estorsione, a Messina erano stati arrestati il giorno stesso Simone Guglielmino e Antonino Santangelo. Non i soli a occuparsi di affari del genere. Un anno prima, il 26 marzo 2015, era stato rapito Manuel D'Antoni, fino al versamento di 16mila euro da parte dei suoi. «Ciao Piero, sono Davide - scriveva via sms Davide Scrivano al palermitano Pietro Luisi, non arrestato - Porta 16mila euro a Ct e in più il cognato di Gabriele e ti vieni a prendere a Manuele». Meccanismo simile attivato ai danni dei Cacciola: a loro era stato portato via un cane come ritorsione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews