Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Dusmet, pedonalizzazione affidata alle transenne
«Serve una soluzione: ogni giorno c'è chi le sposta»

La fase sperimentale di chiusura alle automobili della via sotto palazzo Biscari è iniziata circa un anno fa. «Adesso è necessario fare l'ulteriore passo di renderla permanente e assicurarsi che non diventi terra di nessuno», spiegano le associazioni. Affinché si realizzi davvero il progetto presentato da 52 realtà etnee 

Marta Silvestre

«Che fine ha fatto la pedonalizzazione di via Dusmet?». Sono in molti a chiederselo a un anno circa dall'avvio della fase sperimentale che prevede la chiusura dell'area dalle 8 alle 21 di ogni giorno. «La pedonalizzazione esiste ancora - annuncia il consigliere Davide Ruffino - ma il problema è che purtroppo, quasi ogni giorno, c'è qualcuno che sposta le transenne consentendo illecitamente il libero accesso e il parcheggio a chiunque. Forse i vigili urbani potrebbero individuare di chi si tratta perché - spiega - lì ci sono delle telecamere». 

Dunque, sulla carta il progetto per cui 52 associazioni locali avevano presentato l'istanza, poi accolta parzialmente dall'amministrazione locale, sarebbe ancora valido ma, in pratica, «questa situazione crea un disordine totale nella cittadinanza. Inoltre - aggiunge Ruffino - il fatto che solo di giorno quella sia una zona pedonale, la sera la trasforma in una vera e propria terra di nessuno in cui a farla da padroni sono i parcheggiatori abusivi».

All'inizio non erano mancati malumori da parte di alcuni degli esercenti e dei commercianti della zona preoccupati che il cambiamento della viabilità potesse influire negativamente sulle vendite. «È per venire incontro anche a queste necessità - spiega l'avvocata Viola Sorbello di Legambiente Catania - che si era giunti all'accordo di una fase iniziale di sperimentazione con la chiusura non totale».

Anche la soluzione delle transenne era legata alla fase iniziale e doveva essere transitoria «e, invece - constata l'architetta Annamaria Pace, presidente di Mobilità sostenibile Catania - si va avanti così già da più di un anno. Adesso è opportuno andare al passo successivo e far diventare la pedonalizzazione permanente». Nessun disagio per la mobilità del traffico cittadino. «Ci sono strade alternative da percorrere - spiega l'architetta - come via Lavandaie, che circonda Villa Pacini, e anche via Cristoforo Colombo». E la questione del parcheggio non si pone grazie al raddoppio dei posti auto nel parcheggio di Piazza Borsellino in cui si paga solo un euro l'ora per la sosta e la prima mezz'ora è gratuita.

«Una fase sperimentale non può dare vita a un sistema precario - afferma l'avvocata Sorbello - Noi chiediamo che si proceda a una riconvocazione del tavolo tecnico con tutte associazioni, anche quelle contrarie, e i rappresentanti delle istituzioni per fare un resoconto della fase sperimentale e mettere in campo un concorso di idee per trovare una soluzione». 

Tutte le associazioni continuano a chiedere a gran voce che la pedonalizzazione di via Dusmet sia prevista per 24 ore al giorno e che venga regolamentata con dissuasori mobili. «Finita la fase sperimentale tutta la città si aspetta una soluzione definitiva - commenta Sorbello - e noi, come Legambiente Catania, siamo per riproporre questo modello di pedonalizzazione, radicale o intermedia, anche per altre zone della città». Dal polo costituito da piazza San Francesco con via Teatro Greco al quadrilatero piazza Mazzini, via Garibaldi e via Vittorio Emanuele «contro l'anarchia delle automobili parcheggiate ovunque e poi c'è la situazione di via San Michele - spiega l'avvocata - che, come succede in via Dusmet, è chiusa con le solite transenne precarie che vanno e vengono». 

Mobilità sostenibile Catania, che è l'associazione capofila che ha aggregato tutte le altre, chiede «maggiore attenzione su questa tematica, allargandola a tutta la città, con un tavolo tecnico permanente sulla mobilità sostenibile per confrontarsi - conclude la presidente Pace - sulle problematiche relative alla viabilità, alla sicurezza dei pedoni e all'intermobilità e per trovare insieme le eventuali soluzioni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×