Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Linguaglossa ricorda il professor Giuseppe Dato
«È stato un vero pioniere, formava giovani liberi»

Si terrà domenica 8 ottobre alla Casa San Tommaso - Colonnato dei Domenicani l'evento organizzato dall'associazione Cultura Aetnae per ricorda la figura dell'urbanista Giuseppe Dato, scomparso sette anni fa. «Accese i riflettori sulla periferie dimenticate»

Giorgia Lodato

«È stato un pioniere sotto tanti punti di vista e l’importanza della sua figura sta in questo oltre al fatto che, contrariamente a tanti maestri che vogliono che gli allievi si occupino del loro stesso percorso, era molto laico e aperto e formava i più giovani lasciandoli liberi di seguire il proprio ramo». 

Tra questi, il professore di tecnica e pianificazione urbanistica dell’università di Architettura di Siracusa, Fausto Nigrelli, che considera l’architetto Giuseppe Dato, originario di Linguaglossa, come un vero maestro anche di trasparenza e democrazia.

Lo racconta spesso ai suoi studenti e ai concittadini, che domenica 8 ottobre ricorderanno il docente, scomparso sette anni fa, in occasione di Leggere le trame urbane. Conversazioni sull’opera di Giuseppe Dato, un incontro organizzato dall’associazione Cultura Aetnae alla Casa San Tommaso - Colonnato dei Domenicani di Linguaglossa.

«Giuseppe Dato - spiega Nigrelli - appartiene a una generazione che, probabilmente, è stata la prima a sprovincializzarsi dopo la guerra». Negli anni ’60, infatti, Dato va a studiare a Venezia, dove l’istituto universitario di architettura era una delle scuole più prestigiose al mondo ed era frequentato dai più grandi architetti urbanisti italiani

«Questo ragazzo dal profondo Sud entra così a contatto col mondo - racconta il professore - acquisendo una certa conoscenza dell’urbanistica avanzata e convincendosi, come tanti altri coetanei, di dover tornare nella sua provincia e spendersi per migliorare le condizioni del Sud». 

E sceglie di farlo dall’università. «Non appena rientrato - ricorda - fu chiamato a insegnare nella neonata facoltà di Ingegneria dell’università di Catania, prima disegno e poi urbanistica, ambito che gli consentiva di unire le due passioni per l’architettura e per la situazione politico-sociale».

Nel ‘94 Dato vince la cattedra a Messina e, dal 2000, contribuisce alla nascita della branchia di Siracusa, di cui è stato preside fino alla morte. «È importante ricordarlo e tramandarne la memoria anche per alcune delle sue ricerche - continua il professore. Il libro pubblicato nell’83 La città di Catania, che ricostruisce le vicende urbane della città dal terremoto del 1693 alla metà dell’Ottocento, è irrinunciabile per chiunque voglia capire Catania contemporanea, così come altre pubblicazioni che raccontano dall’unità d’Italia fino agli anni successivi alla seconda guerra mondiale». 

Tanta è stata anche l’attenzione rivolta dal professor Dato alla cosiddetta città marginale formata dalle comunità periferiche abbandonate e tenute ai margini. «Parlò dei centri storici quando erano abbandonati da tutti - sottolinea Nigrelli - e spese tante energie per accendere i riflettori sulle periferie e sui paesi in via di sviluppo».

L'iniziativa di domenica «vuole essere un momento per evidenziare lo straordinario valore del genius loci - commenta l'assessore alla cultura di Linguaglossa, Andrea Giuseppe Cerra - e, nello specifico, il linguaglossese illustre Giuseppe Dato e ripartire dalla sua visione di rigenerazione degli spazi. Ci inorgoglisce - conclude l'assessore - che l’evento sia stato sposato dai più autorevoli istituti culturali della Sicilia orientale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews