Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga dall'Albania alla Sicilia, parla l'agente in esilio
«Nel mio Paese anche la polizia traffica la marijuana»

Dopo l'approfondimento esclusivo di MeridioNews, che ha svelato le intercettazioni dei cugini dell'ex ministro Saimir Tahiri accusati di narcotraffico, interviene dalla Svizzera Dritan Zagani, il poliziotto che per primo aveva denunciato il legame: «Non sono felice per quello che sta succedendo. La mafia è troppo forte»

Dario De Luca

In qualunque modo andrà a finire, mercoledì per l'Albania sarà uno dei giorni più difficili della sua storia recente. Il parlamento dovrà, attraverso una doppia votazione, decidere se revocare l'immunità parlamentare all'ex ministro dell'Interno Saimir Tahiri e valutare se dare il via libera al conseguente mandato d'arresto. Un doppio passaggio d'aula che arriva dopo una settimana in cui il politico del partito socialista, tra i più vicini al premier Edi Rama, è finito sott'accusa per i presunti rapporti con i suoi cugini Moisi e Dorian Habilaj, ritenuti dai magistrati catanesi tra i principali narcotrafficanti dei Balcani. Ed è proprio da Catania che è partito il terremoto politico albanese. Lunedì scorso il Gico della guardia di finanza etnea arresta undici persone nell'ambito dell'operazione Rosa dei venti. Il giorno dopo MeridioNews svela in esclusiva intercettazioni e dettagli dell'inchiesta, comprese alcune conversazioni in cui Moisi Habilaj discute di soldi da restituire a un certo «Saimir» che gli investigatori ritengono essere il cugino politico.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×