Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Droga Albania-Sicilia, ex ministro allontana le accuse
«A Catania non indagato», domani vota il parlamento

Saimir Tahiri ha mostrato un documento della procura siciliana in cui non risulta sottoposto a inchieste. Domani i deputati decideranno sulla revoca dell'immunità e sull'arresto, dopo l'inchiesta Rosa dei venti, in cui sono finiti in manette i suoi due cugini, entrambi accusati di traffico internazionale di droga

Dario De Luca

«Si comunica che in riferimento al nominativo di Saimir Bashcim Tahiri non risultano, sino alla data odierna, iscrizioni presso la procura di Catania». Un foglio di carta proveniente dagli uffici giudiziari etnei, datato 23 ottobre, per allontanare dal proprio conto ogni sospetto su possibili indagini. È questo il passaggio saliente dell'ultima uscita di Saimir Tahiri, ex ministro dell'Interno albanese da giorni finito al centro di una dura polemica nel Paese balcanico, dopo il coinvolgimento nell'operazione Rosa dei venti dei suoi cugini: Moisi e Florian Habilaj. Entrambi accusati dai militari del Gico della polizia tributaria della guardia di finanza di narcotraffico internazionale di marijuana verso la Sicilia. Domani per l'ex ministro sarà una giornata cruciale. Una sorta di spartiacque che avrà il suo momento di massimo interesse con la votazione del parlamento albanese sulla revoca dell'immunità parlamentare e sul conseguente mandato d'arresto

«Dopo quattro anni d'indagine - spiega Tahiri riferendosi al lavoro portato avanti dai magistrati della procura di Catania - non sono stati trovati elementi utili per indagare nei miei confronti. Com'è possibile che qui in Albania, dopo le notizie dei giornali, si decida di chiedere il mio arresto?». Il riferimento è proprio all'inchiesta etnea e ad alcune intercettazioni, svelate in anteprima da MeridioNews, in cui i cugini si riferivano a «Tahiri», identificato dagli investigatori nell'ex ministro, come l'uomo a cui bisognava restituire del denaro proveniente dal traffico di droga. Il suo nome tuttavia non compare nella lista di indagati, in cui invece ci sono i siciliani Antonino Riela, Angelo Busacca, Gianluca Passavanti e Vincenzo Spampinato. 

Con loro anche un nutrito gruppo di albanesi, compreso Nezar Seiti. Quest'ultimo è stato arrestato a distanza di alcuni giorni dall'emissione dei mandati di cattura, mentre si trovava latitante nei pressi della cittadina costiera di Valona, in Albania. Entro 20 giorni gli investigatori italiani potranno presentare la richiesta d'estradizione al tribunale di Tirana. Negli atti dell'inchiesta, firmati dalla giudice Loredana Pezzino, Nezar sarebbe stato uno dei più stretti collaboratori del presunto capo Moisi Habilaj. «Affrontavano le trasferte in Italia a bordo di veicoli intestati a soggetti sicliani, tra i quali quello di Busacca», scrive la giudice. L'uomo si sarebbe interfacciato direttamente con chi commissionava la droga. A gennaio 2017 i finanzieri lo pedinano mentre si trova nel quartiere etneo di San Giovanni Galermo, ed è proprio durante uno di questi viaggi che Seiti avrebbe ricevuto la somma di 50mila euro per l'acquisto di una partita di droga. Soldi che poi sarebbero stati trasferiti in Albania attraverso un doppio fondo in un fusto di detersivo

La vicenda Tahiri non è però un fulmine a ciel sereno. Tra il 2014 e il 2015 era stato già finito nella bufera, accusato di collusioni con i cugini trafficanti di marijuana. A puntargli il dito contro il poliziotto antidroga Dritan Zagani, poi arrestato e costretto a rifugiarsi in Svizzera. Intanto il politico è stato esonerato dalle funzioni di partito e dal gruppo parlamentare dei socialisti albanesi. Una scelta voluta direttamente dal premier Edi Rama, che negli ultimi giorni sembra essersi allontanato dal suo ex collega di governo.  

Mentre la tensione sale, arrivano anche le dichiarazioni molto dure del procuratore capo della Repubblica albanese Adriatik Llalla. «Spesso - ha dichiarato - le organizzazioni del narcotraffico vengono sostenute da chi le deve colpire». «È molto importante - ha aggiunto il magistrato - che un procuratore possa svolgere l'inchiesta senza essere influenzato e senza temere, anche quando l'indagine coinvolge alti funzionari o ex alti funzionari pubblici». Llalla ha infine assicurato che in ogni caso «la procura continuerà l'indagine, come previsto dalle procedure». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×