Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, il sequestro per Strano della cosca Cappello
Tra la ditta di autotrasporti e appartamenti di lusso

Nel mirino della polizia un patrimonio da 1,5 milioni di euro. Fatto di appartamenti arredati in modo sfarzoso, macchine, motociclette e una ditta di trasporto conto terzi. L'ultima volta è stato arrestato a Ferragosto quando, da sorvegliato speciale, si era recato in un resort di lusso per le vacanze in famiglia

Dario De Luca

Dal Ferragosto nel resort di lusso ai beni finiti sotto sequestro. Il protagonista è sempre lui: Mario Strano. Pluricondannato perché affiliato ai Santapaola prima e ai Cappello poi. L'ultima volta è finito in manette il 15 agosto scorso quando, nonostante il regime di sorvegliato speciale che gli impediva l'allontanamento dai confini di Catania, si era recato ad Altavilla Milicia, in provincia di Palermo, per trascorrere le vacanze insieme alla famiglia all'interno di un villaggio turistico quattro stelle. Da allora Strano si trova rinchiuso nel carcere di Termini Imerese e per lui oggi si aggiunge una nuova grana giudiziaria. Un provvedimento di sequestro dei suoi beni per un patrimonio totale di un milione e mezzo di euro. Nel mirino degli agenti della squadra mobile di Catania e della divisione anticrimine sono finiti la ditta di autotrasporti Catasped srl, dieci semirimorchi, un autocarro, un trattore stradale, due macchine, rispettivamente una Audi A1 e una Mercedes Smart, due motocicli marcati Bmw e Honda e tre appartamenti

La ditta specializzata nel trasporto nazionale e internazionale per conto terzi, secondo la ricostruzione degli inquirenti, era formalmente intestata alla figlia di Strano. Presunta testa di legno che in realtà avrebbe nascosto gli interessi del padre. Gli appartamenti, tutti dislocati nel territorio di Catania, erano arredati in maniera lussuosa. Uno stile decisamente appariscente con foglie dorate nei muri, l'immancabile trono stile Scarface e la riproduzione di un leone, anch'esso dorato, con la criniera argentata. L'indagine ha evidenziato la sproporzione tra il tenore di vita di Strano e le sue dichiarazioni dei redditi. In questo modo, gli agenti hanno ricostruito la rete di beni a lui riconducibili, anche attraverso l'intestazione formale ai parenti, arrivando a chiedere al tribunale etneo la misura di prevenzione del decreto di sequestro.

Mario Strano appartiene a una famiglia storicamente inserita nel panorama mafioso etneo, e attiva in particolare nel quartiere periferico di Monte Po-Nesima, a due passi dal territorio del Comune di Misterbianco. Tra i parenti più noti ci sono i suoi due fratelli Claudio e Alessandro, quest'ultimo per anni riconosciuto vertice della famiglia mafiosa di Cosa nostra. Gli Strano però sono anche un sodalizio di voltagabbana del mondo del crimine. Mario, per esempio, ha scontato l'ultima condanna perché affiliato alla cosca dei Cappello. Passaggio ricostruito durante l'inchiesta Revenge, culminata con gli arresti del 2011 che evitarono una sanguinosa guerra di mafia proprio con i Santapaola. Lo spostamento avviene qualche anno prima, tra il 2007 e il 2009quando viene ucciso il reggente di Cosa nostra Angelo Santapaola e il suo guardiaspalle Nicola Sedici. In questo spazio si inseriscono i Cappello e i suoi reggenti Orazio Privitera e Sebastiano Lo Giudice.

Ci sono poi i racconti dei pentiti. In tanti, durante le loro deposizioni ai magistrati della procura di Catania, hanno fatto riferimento al ruolo di Mario Strano e dei suoi fratelli. L'ex reggente di Cosa nostra Santo La Causa, passato dal lato della giustizia nel 2012, lo accusa di avere avuto un ruolo nell'omicidio di Salvatore Pappalardo, reo di avere creato delle tensioni nella gestione delle estorsioni nel quartiere di Monte Po. C'è poi Gaetano D'Aquino, ex capo dei Cappello, che identifica Strano come uomo d'onore, formalmente affiliato per volere di Sebastiano Lo Giudice. Il mafioso della periferia di Catania sarebbe finito anche tra gli obiettivi di un agguato. Il motivo? Avere trattenuto per sé la carta delle estorsioni nonostante il passaggio dai Santapaola al clan rivale. Aneddoto, quest'ultimo, svelato dal collaboratore di giustizia Gaetano Musumeci

L'ultima apparizione pubblica Strano l'ha fatta durante il processo a carico dell'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. Chiamato dall'accusa per svelare eventuali contatti tra mafia e politica per le tornate elettorali. Pochi minuti davanti a giudici e magistrati all'interno dell'aula bunker del carcere di Bicocca prima di congedarsi con una stretta di mano alla pm Agata Santonocito

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×