Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Voto a Catania città: Pellegrino si prende Forza Italia
Bocciata candidata di Bianco, sorpresa Grancagnolo

Il consigliere bollato come impresentabile arriva secondo tra gli azzurri. Male l'aspirante appoggiata dal sindaco etneo, mentre si manifesta in grande spolvero il Movimento 5 stelle, grazie a Gianina Ciancio e Angela Foti. Dimezzati i voti dell'alfaniano Nuccio Condorelli. Restano fuori dall'Ars Angelo Villari e Alessandro Porto

Dario De Luca

Detto, fatto o quasi. Riccardo Pellegrinotra i più chiacchierati di quelli bollati come impresentabili di queste elezioni regionali 2017, mantiene la parola data ai suoi elettori e sfiora la piazza più ambita. Quella di essere il candidato più votato a Catania nella lista di Forza Italia. Il fratello dell'imputato per mafia Gaetano, considerato dalla procura etnea un fedelissimo del capo cosca Nuccio Mazzei, si è dovuto arrendere solo per via della cavalcata di Dario Daidone. A quanto risulta scorrendo i dati delle 336 sezioni sparse per il la città dell'elefante, Pellegrino - che già occupa uno scranno in municipio - ha raccolto 2293 consensi, con un ritardo dal gradino più alto di appena 79 voti. Quelle parole, pronunciate durante la chiusura della campagna elettorale, adesso suonano come una profezia. I big del partito avevano davvero paura di lui? Per questo motivo una frangia interna agli azzurri ha provato a farlo politicamente fuori? A urne chiuse la risposta è solo una. Pellegrino si è preso una buona fetta del partito catanese diventando un reuccio delle preferenze, nonostante la mancata elezione a Palermo. 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×