Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, trovate armi sotterrate accanto ai binari
Mini-arsenale forse del clan Alleruzzo-Assinnata 

A indicare il luogo in cui sono stati rinvenuti un fucile a canne mozze, una pistola semiautomatica e diverse confezioni di cartucce (di varia marca e calibro), potrebbe essere stato un pentito del quale, per il momento, rimane ignoto il nome. In contrada Tre case i carabinieri hanno trovato un sacco ai confini con la linea Fce

Salvatore Caruso

Foto di: Luigi Saitta

Foto di: Luigi Saitta

Un mini arsenale, sotterrato in un terreno abbandonato e che, con molta probabilità, era nella disponibilità del gruppo di fuoco del clan Alleruzzo-Assinnata, longa manus dei santapaoliani a Paternò. Lo hanno ritrovato i carabinieri paternesi, che sono andati a scavare in contrada Tre case, al confine tra il Comune paternese e quello di Belpasso. L'individuazione delle armi fa supporre che a indicare l'area sia stato qualche pentito, il cui nome rimane per il momento riservato.

Il sacco è stato individuato in un terreno abbandonato confinante con la linea Fce. In ottimo stato di conservazione c'era una pistola semiautomatica calibro 7,65, con la matricola abrasa, completa di caricatore; un fucile a canne mozze marca Bernardelli calibro 12, risultato rubato in una abitazione di Aci Catena il 28 luglio 2012. E ancora: una confezione di 27 cartucce calibro 7,65, una busta con sei cartucce calibro 12 marca Caccia rc30, sei cartucce calibro 12 marca Winchester, due cartucce calibro 12 marca Fiocchi.

Per i carabinieri le armi ritrovate rientrano nella disponibilità del clan Alleruzzo-Assinnata. Per fare chiarezza sono in corso ulteriori indagini, con l'obiettivo di accertare - in primis - chi fossero coloro che frequentavano quel terreno. Fucile e pistola nei prossimi giorni saranno inviati al reparto investigazioni scientifiche di Messina, per gli esami tecnico-balistici che potrebbero stabilirne l'eventuale utilizzo in precedenti occasioni malavitose.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×