Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paganese-Catania 2-5, chi sale e chi scende
Marchese e Ripa entrano e cambiano il match

Sono i cambi a fare la differenza, in un pomeriggio che a Pagani sembrava tutt'altro che facile. Marchese e Ripa stravolgono la partita, col terzino che sforna due assist e il bomber che si sblocca in campionato, sfiorando la doppietta. Lodi delizioso sui calci da fermo: male Djordjevic, Biagianti nervoso e sostituito.

Giorgio Tosto

Il Catania si impone sulla Paganese, ottenendo la seconda vittoria consecutiva e segnando ben cinque reti allo Stadio Marcello Torre, dal quale non era mai uscito vincitore in precedenza. La partita però, nonostante il risultato finale, è stata tutto fuorché una passeggiata: i rossazzurri soffrono nel primo tempo, evidenziando difficoltà a creare gioco e a innescare la punta Curiale. Djordjevic a sinistra fa fatica, Biagianti in mezzo al campo è farraginoso. La perla di Di Grazia apre una ripresa in cui il vento cambia grazie agli ingressi voluti da Lucarelli: Marchese è una furia sull'out di sinistra, mettendo gli assist che innescano il secondo e quarto gol. Ciccio Ripa sembra il bomber decisivo che tutti aspettavano, Lodi torna ad essere direttore d'orchestra, impreziosendo la sua prestazione con due reti su punizione e rigore.

SU

Marchese: il terzino sinistro entra al posto di un insufficiente Djordjevic e fa capire a tutti la differenza che ancora passa tra le sue prestazioni e quelle del giovane calciatore serbo. Il classe '84 ha ancora corsa e fiato da vendere e, soprattutto, un piede sinistro di gran qualità per la terza serie. Offre due assist e tiene in costante preoccupazione i dirimpettai in maglia azzurra.

SU

Ripa: il bomber, finalmente, si sblocca. Entra a inizio secondo tempo al posto di un impalpabile Curiale e inizia a fare a sportellate con i difensori avversari. E' un falco in occasione del gol del 2-1 rossazzurro, quando sfrutta al meglio il suggerimento di Marchese: sfiora anche la rete del 3-1, dando l'impressione di una condizione fisica in netta risalita. Calciatore ritrovato.

SU

Lodi: il direttore d'orchestra rossazzurro rimane il faro indiscusso della manovra. Nel primo tempo soffre le maglie strette della difesa campana, mentre nel corso della ripresa la sua azione migliora d'efficacia. E' magistrale nel realizzare la punizione del 3-1, mettendo a segno con freddezza anche il rigore del definitivo 5-2.

GIU

Djordjevic: il terzino sinistro serbo viene chiamato in causa per far rifiatare Marchese, dando però vita a una prestazione insufficiente per qualità e quantità. Non riesce a trovare la giusta intesa con Di Grazia sul settore mancino del campo, non trovando mai il fondo per un cross: anche in fase difensiva si palesa qualche incertezza di troppo. Da rivedere

GIU

Biagianti: il capitano, stavolta, non da' il solito contributo. La sua generosità è fuori discussione, ma le troppe partite ravvicinate forse lo mettono in difficoltà, data l'anagrafe non più verdissima. A fine primo tempo si fa ammonire, venendo sostituito a inizio ripresa da Mazzarani.

GIU

Curiale: il bomber delle ultime uscite rossazzurre, stavolta, è lento e impreciso. Non è sicuramente aiutato dal Catania del primo tempo, lento e prevedibile: neanche lui, però, riesce a smarcarsi e a dare punti di riferimento ai compagni in fase offensiva. La staffetta con Ripa è azzeccata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×