Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, scardinato il vertice operativo dei Santapaola
Avvertimento ai Mazzei: «Evitiamo ci siano morti...»

L'operazione Chaos di questa notte nasce da un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 31 persone. Al centro la figura di Antonio Tomaselli, detto Capelli bianchi, che avrebbe preso in mano le redini della cosca ad aprile 2016, dopo gli arresti dell'inchiesta Kronos. Guarda foto e video

Luisa Santangelo

Dopo  Kronos è il momento del Chaos. La fotografia di Cosa nostra a Catania scattata dalla procura inverte i tempi della mitologia greca e racconta la riorganizzazione della famiglia Santapaola-Ercolano. L'operazione di questa notte - che ha portato in manette 31 persone, senza lasciare indietro latitanti - è un'immagine di quanto accaduto dopo che, ad aprile 2016, a finire in manette era stato Francesco Santapaola - figlio di Salvatore (Turi colluccio), cugino di Nitto -, secondo gli investigatori reggente del clan, assieme ad Aldo Ercolano e Francesco Amantea. Da allora, a colmare il vuoto di potere sarebbe stato Antonio Tomaselli, detto Capelli bianchi, per i magistrati uomo di fiducia di Enzo Santapaola (figlio di Nitto) e, in qualche occasione, accompagnatore personale di Aldo Ercolano. «Carta» alla mano, Tomaselli avrebbe avuto a disposizione non solo l'elenco delle estorsioni, ma anche quello degli stipendi da pagare agli affiliati. «A certi livelli - spiega il procuratore capo Carmelo Zuccaro - detenere la carta significa avere la direzione del gruppo». E se il profilo di Tomaselli, prima di adesso, non era mai emerso in maniera netta sarebbe solo perché «fino agli arresti di Kronos non aveva avuto bisogno di esporsi». Lavorando dietro le quinte, come longa manus i cui messaggi sarebbero arrivati tramite portavoce.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.