Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ficarazzi, tentato furto al bancomat delle Poste
Ladri fanno esplodere un ordigno rudimentale

Poco dopo le 2.30 di questa notte, un forte boato ha messo in allarme i residenti di via Tripoli nella frazione di Aci Castello. Si è trattato dell'esplosione di una bomba nel tentativo di compromette il postamat. Le indagini in corso hanno preso in esame le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona

Salvatore Caruso

A Ficarazzi, frazione di Aci Castello, poco dopo le 2.30 di questa notte, alcuni ladri hanno tentato di fare saltare il bancomat dell’ufficio postale di Via Tripoli con un ordigno rudimentale. Sono stati i residenti, svegliati dal forte boato dell'esplosione, ad allertare le forze dell'ordine. La bomba ha provocato danni alla struttura in cui è incastrato il bancomat ma non ha compromesso la cassaforte al punto da permettere di rubare le banconote che conteneva.

Quando i carabinieri della compagnia di Acireale sono giunti sul posto, i ladri erano già scappati senza bottino. Sono in corso le indagini che stanno prendendo in esame soprattutto le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della zona. L'esplosione ha frantumato i vetri di alcune abitazioni nei pressi dell'ufficio posta. Non è la prima volta che l’ufficio postale di via Tripoli viene preso di mira: nell’ottobre del 2015 un gruppo di ladri riuscì a portare via il postamat con un escavatore; lo scorso maggio alcuni ladri provarono a rubare il bancomat del Credito Siciliano sempre in via Tripoli, ma furono interrotti da un improvviso guasto al braccio meccanico della ruspa.

Solo una settimana fa, in pieno centro ad Aci Castello, alcuni ladri erano entrati in azione con un escavatore riuscendo a portare via il bancomat della filiale Unicredit di via Re Martino contenente diverse migliaia di euro. Preoccupato si è detto il sindaco di Aci Castello, Filippo Drago, che ha manifestazione l'intenzione di rivolgersi al prefetto «per chiedergli di essere convocato dal comitato per l’ordine e la sicurezza per illustrare le forti preoccupazioni che stanno vivendo i miei concittadini per l'aumento di questi fatti criminali». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×