Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, beccata guida abusiva oltre quota tremila
Denuncia per esercizio abusivo della professione

Un gruppo di 15 persone era in cammino verso i crateri sommitali del vulcano catanese, accompagnato da una guida che non dispone dei titoli professionali né delle autorizzazioni necessarie. I finanzieri del Soccorso alpino di Nicolosi hanno incontrato la comitiva nel territorio di Maletto e, dopo i controlli, denunciato l'uomo

Redazione

La consueta attività di perlustrazione dell'area sommitale del vulcano Etna, da parte dei militari del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi, ha portato alla scoperta di una guida non autorizzata impegnata in una escursione - ben oltre quota tremila metri, si legge in una nota delle forze dell'ordine - sulla montagna catanese. Secondo quanto accertato dagli agenti, l'uomo stava accompagnando verso i crateri sommitali del vulcano un gruppo di 15 turisti, senza però disporre di autorizzazioni ed abilitazioni. 

Il gruppo sarebbe stato individuato nella zona d'alta quota di competenza del Comune di Maletto: i finanzieri hanno interrotto l'improvvisata gita riconducendo gli escursionisti fino alle quote dove non vige l'obbligo di essere accompagnati da una guida professionista. Sull'Etna, per raggiungere i crateri sommitali, è necessario l'accompagnamento dell'unica figura professionale autorizzata per legge, cioè le guide alpino-vulcanologiche formate e abilitate dopo un esame dal competente Collegio regionale. In caso d'emergenza, la quota fissata per l'accompagnamento obbligatorio di un professionista - generalmente dai 2800 metri in su - può essere abbassata anche ad altitudini inferiori, sulla base di apposite ordinanze emesse dai sindaci dei dieci Comuni con competenza territoriale in alta quota. 

Sulla base di quanto rilevato dai finanzieri, nei confronti dell'uomo individuato è scattata la denuncia alla Procura di Catania per il reato di esercizio abusivo della professione nonché per inottemperanza alle ordinanze sull’accesso alle aree sommitali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×