Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia e rifiuti, i tentativi di Senesi di bloccare sanzioni
A Catania, insieme a Ecocar, multata di soli 3.600 euro

Nell'inchiesta su mafia, imprenditoria e politica nella spazzatura è finito in manette Rodolfo Briganti, legale rappresentante di una delle due aziende che gestisce l'igiene urbana in Comune. Accusato di corruzione ad Aci Catena rispetto alle penali per disservizi. Abbiamo controllato quelle emesse da Palazzo degli elefanti

Luisa Santangelo

Foto di: HJR

Foto di: HJR

Milleduecento euro al mese di sanzioni. A fronte di segnalazioni che riguardano esclusivamente aree non spazzate. È quanto emerge dal materiale pubblicato sul sito del Comune di Catania a proposito del raggruppamento temporaneo di imprese Senesi ed Ecocar, che nel capoluogo etneo si sono aggiudicate - uniche contendenti - la gara ponte per il servizio di igiene urbana in città. E se di entrambe si è già detto molto, una nuova pagina sulla marchigiana Senesi è stata scritta ieri dalla Direzione investigativa antimafia, che ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dal tribunale di piazza Verga nell'ambito dell'inchiesta Gorgoni. Su un intreccio tra mafia, politica e imprenditoria specializzata nel settore della raccolta dei rifiuti. Con l'accusa di corruzione è finito in manette il rappresentante legale di Senesi, Rodolfo Briganti, che - per gli inquirenti - avrebbe lavorato ai fianchi dell'amministrazione di Aci Catena per ottenere l'annullamento delle sanzioni elevate dal Comune per i disservizi riscontrati dai cittadini. «Adesso mi sembra che siamo arrivati a 50mila euro», dice - a luglio 2016 - un uomo, identificato come un dipendente di Senesi, parlando con l'ex sindaco Ascenzio Maesano. «Di penale», interviene quest'ultimo. «Se riesci a farmi recuperare quello che riesci», continua il lavoratore. «Ma già te li hanno tolti. E come te li restituisco?», domanda l'allora primo cittadino. «Deve annullare le sanzioni. Deve dire "rivista la sanzione"...». «Strappiamo tutto, gli ho detto - replica Maesano - Partiamo da oggi e strappiamo tutto». Le penali, che a settembre 2016 sono aumentate fino a quasi 118mila euro, però, non vengono annullate.

Nel settore della raccolta della spazzatura le contravvenzioni per i disservizi sono un problema pesante. Non solo per una questione spiccatamente economica, ma anche burocratica: un servizio non eseguito a regola d'arte danneggia le imprese nella partecipazione a ulteriori gare d'appalto con enti pubblici. Cosa che, per un'azienda come Senesi, è un intralcio non da poco. A maggio 2017 la ditta prende servizio - insieme alla Eco.Car, di proprietà della famiglia Deodati, la stessa della Ipi - nel Comune di Catania. Vincendo, da unico raggruppamento temporaneo d'imprese partecipante, il mini-bando da 106 giorni rinnovabili. E, di fatto, rinnovato un paio di mesi fa, dopo la naturale scadenza e dopo che - per la seconda volta - la gara settennale promossa da Palazzo degli elefanti del valore di 319 milioni di euro è andata deserta. Così, almeno fino alla fine di quest'anno, sarà l'azienda adesso sequestrata a occuparsi dello spazzamento all'ombra dell'Etna. Nonostante i notevoli disservizi riscontrati anche dal sindaco Enzo Bianco in persona che, in una nota diffusa alla stampa, alla fine di ottobre, sottolineava: «La città non viene pulita come dovrebbe». In questi casi, da capitolato d'appalto, le multe previste per le aziende sono salatissime. Ma nel primo trimestre di attività di Sen.Eco., in realtà, quasi non ne sono state emesse.

A chiedere chiarezza su questo punto è stato per primo il movimento politico Catania bene comune. Che ha formulato una richiesta di accesso agli atti per conoscere, di preciso, l'operato dei 15 sorveglianti che l'amministrazione fa scendere in strada per controllare che la raccolta della spazzatura non subisca inciampi. A guardare i documenti, però, la fotografia è quella di una città pulita e di un raggruppamento d'imprese che non viene sanzionato. A giugno 2017, a fronte di 22 segnalazioni, l'amministrazione procede solo per quattro, spiegando che per tutte le altre i disservizi sono rientrati. Anche se sono gli stessi verbali a suggerire che non è così: il 22 giugno vengono segnalati cinque cassonetti rotti capovolti. Il 26 giugno la segnalazione recita: «Si confermano i cinque cassonetti rotti capovolti». E il giorno dopo i cinque cassoni sono ancora là, sempre rotti, ma stavolta non capovolti. Secondo l'appalto, però, ogni manutenzione dei contenitori non effettuata costa alla ditta 300 euro al giorno, per ciascun intervento. La moltiplicazione è facile: sono quasi diecimila euro di multa, in meno di una settimana. Quel mese, però, viene applicata solo una sanzione cumulativa da 1200 euro per quattro aree non spazzate. 

La stessa identica somma si ripete poi a luglio e ad agosto. Stavolta, però, l'elenco dei rilievi dei sorveglianti è ridotto all'osso: due aree pubbliche parzialmente spazzate a luglio. E quattro aree pubbliche parzialmente spazzate il mese successivo. Importo sempre uguale. Per il resto, secondo chi dovrebbe controllare la raccolta in città, sarebbe stato tutto perfettamente in regola. «Di questo non mi occupo io», puntualizza immediatamente l'assessore all'Ecologia Rosario D'Agata, interpellato da MeridioNews per chiedere chiarimenti a proposito del sistema sanzionatorio. Rimandando ogni possibile risposta ai due dipendenti comunali che si occupano di questo tema: il dirigente dell'Ecologia Leonardo Musumeci e il direttore dell'esecuzione del contratto Orazio Fazio. Quest'ultimo, però, rinvia a Musumeci. E Musumeci non risponde al telefono. La richiesta di accesso agli atti di Catania bene comune riguardava anche i turni di lavoro dei sorveglianti, le aree interessate dai controlli, la cadenza. Tutte informazioni che, secondo il movimento, sono necessarie a fare chiarezza sull'argomento munnizza a Catania. Quei documenti, però, non sono arrivati.

«Stiamo preparando un incartamento da inviare in procura», dichiara Matteo Iannitti di Catania bene comune. «Noi abbiamo fatto tutti i passaggi che ritenevamo necessari: abbiamo inoltrato le nostre richieste di accesso agli atti a tutti i dirigenti coinvolti, che dunque ne sono informati. Adesso ci rivolgeremo alla magistratura e all'Anac, l'Autorità nazionale anticorruzione. Perché sanzioni sempre uguali d'importo, in un sistema come quello che le inchieste hanno evidenziato, meritano la dovuta chiarezza». E un riferimento, seppure più generico, all'appalto del municipio etneo arriva anche da Mirko Viola, segretario dell'associazione Città Insieme, che da anni si occupa di vegliare sulla nettezza urbana - e l'iter amministrativo a essa collegato - nel capoluogo. «La magistratura farà il suo corso - dice Viola - Ma dai nostri governanti ci aspettiamo chiarezza, subito. A cominciare da tutti gli altri appalti che vedono aggiudicatarie le due società (oltre a Senesi, la Ef servizi ecologici, ndr) coinvolte in questa inchiesta, l'ennesima che tocca il disgustoso mondo degli affari nei rifiuti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews