Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ragalna, tentano di rubare un bancomat 
Ladri fuggono a piedi, cassaforte trovata

La banda dell'escavatore è entrata in azione di nuovo questa notte ai danni della Bcc del centro cittadino etneo. I ladri, intercettati dalle forze dell'ordine, sono scappati a bordo dei mezzi prima di andare a sbattere contro un muretto. La fuga è continuata poi a piedi per le campagne. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Poco prima delle 3 di questa notte, la banda dell'escavatore è entrata in azione ai danni della Banca di credito cooperativo di piazza Santa Barbara a Ragalna. Allertati dai residenti della zona che avevano avvertito strani rumori, sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia di Paternò che hanno intercettato i banditi mettendoli in fuga e riuscendo a recuperare la cassaforte. 

Il gruppo, giunto nella piazza del centro cittadino a bordo di un autocarro con cui era stato trasportato anche un mini escavatore, nel tragitto ha danneggiato anche un lampione e un portafiori in pietra lavica. Sceso dal mezzo, il conducente ha sradicato in pochi minuti il bancomat dal muro e lo ha caricato con il braccio meccanico sul mezzo. 

Poco dopo la pattuglia del nucleo mobile ha intercettato e iniziato a inseguire il furgone con la cassaforte del bancomat e una Alfa 147 lungo via Santa Maria di Licodia. All'altezza del civico 30, il furgone è andato a sbattere violentemente contro il muretto che costeggia la strada. A quel punto, i ladri sono scappati a piedi per le campagne circostanti abbandonando i mezzi.

Secondo una prima ricostruzione basata sulle immagini delle telecamere di video sorveglianza che si trovano all'esterno della banca, gli investigatori hanno notato la presenza di almeno sei persone con il volto coperto da un passamontagna e guanti di lattice nelle mani. Il bancomat è stato restituito alla banca, mentre i mezzi lasciati dai banditi risulterebbero rubati a San Giovanni La Punta e in altri comuni limitrofi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×