Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il Catania? È tutto in un libro

Una vera e propria enciclopedia che ricostruisce nel dettaglio la storia della squadra di calcio etnea. È questo “Tutto il Catania minuto per minuto”, un libro che è frutto di un meticoloso lavoro di recupero di articoli giornalistici, interviste, aneddoti e cronache di partite che sono passate alla storia. Tra gli autori, uno studente di Lingue.

Paola Roccella

Cinque appassionati di calcio, tifosi con la “T” maiuscola, non di quelli che si limitano ad inneggiare alla squadra dalle tribune dello stadio: stiamo parlando di Antonio Buemi, Carlo Fontanelli, Roberto Quartarone, Alessandro Russo e Filippo Solarino, gli autori del libro “Tutto il Catania minuto per minuto” edito da Geo Edizioni di Empoli (di cui è proprietario lo stesso Fontanelli). Un compendio di cinquecento pagine, in cui il lettore potrà immergersi tra immagini d'epoca, interviste, curiosità che hanno fatto la storia della squadra catanese, a partire da prima della sua fondazione. Uno degli autori, Alessandro Russo, ha poi con il Catania un legame particolare: è infatti nipote di Angelo Massimino, lo storico presidente rossazzurro al quale è anche intitolato lo stadio Cibali.
 
«Il progetto è nato concretamente nella primavera del 2009, quando Antonio Buemi, Alessandro Russo, Filippo Solarino e io – afferma Roberto Quartarone, uno degli autori del libro, che è anche studente della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere– abbiamo chiamato Carlo Fontanelli e strappato il suo sì per la realizzazione del libro»
Un lavoro archivistico, di recupero della memoria storica, sta dietro la realizzazione del volume. Attraverso la consultazione di numerosi giornali d'epoca, tra cui La Sicilia, Il Popolo di Sicilia, Il Corriere di Sicilia, l'Espresso Sera e La Gazzetta dello Sport, gli autori hanno raccontato persino la preistoria del calcio catanese, a partire dal 1908 (la nascita della squadra avverrà nel 1929), ricostruendo tutte le stagioni calcistiche fino ad oggi ed infarcendole di interviste, immagini e curiosità, oltre a proporre un'anagrafe di tutti i giocatori dalla nascita della squadra. Un lavoro inedito che racchiude tutta la passione degli autori e mette a disposizione dei tifosi una memoria che altrimenti sarebbe rimasta sulle pagine ingiallite dei vecchi giornali.
 
Alla presentazione, che si è svolta al Castello Leucatia, oltre agli autori, sono intervenuti Tino Vittorio, docente di storia contemporanea dell'Università di Catania, Carmelo Russo (ex allenatore), Orazio Russo (ex giocatore, attualmente dirigente della squadra), il giornalista Gaetano Sconzo, l'ex calciatore Giorgio Michelotti e molti altri.
 
A proposito del libro così si è espresso Gaetano Sconzo: «La sua bellezza risiede nel fatto che mai, prima d'ora, era stato fatto uno sforzo simile nel catalogare tutti i giocatori, tutte le partite storiche del Catania». Mentre il vicepresidente della municipalità, Emanuele Rapisarda, parla di un'«importante operazione di recupero del senso di appartenenza, all'insegna della catanesità».
 
Durante la conferenza stampa molti gli interventi, anche dal pubblico, e i temi trattati. Tino Vittorio ha ricordato la figura di Leandro Arpinati (presidente del Coni tra gli anni venti e trenta e fautore dell'importante riforma del campionato di calcio) e messo in luce quanto abbia significato Angelo Massimino per il calcio catanese. Il presidente ha fatto sì che il calcio si svincolasse dalle dinamiche della politica, segnando l'importante passaggio ad una dimensione imprenditoriale dello stesso.

Sulla condizione attuale del calcio commenta così Andrea Lodato, giornalista e moderatore dell'incontro: «Il calcio sta morendo, dalle pay tv ai calciatori strapagati, tutto rischia di ridursi ad una questione di business». Non è mancato, inoltre, un riferimento all'attuale problema della sicurezza negli stadi. Enrico Guarneri, che ha colorato la presentazione con il suo immancabile tocco di comicità, ha affermato: «È grave che le famiglie non vadano più allo stadio, bisognerebbe valutare gli strumenti più adatti per prevenire certi fenomeni di violenza». E sul campanilismo e l'eterna rivalità Catania-Palermo che purtroppo sfocia sovente in fenomeni di ingiustificata violenza, così sdrammatizza l'attore catanese: «Scusatemi ma, anche se sono un tifoso catanese, se vedo la partita Palermo - Manchester, tiferò sempre Palermo!».
 
Roberto Quartarone, il più giovane degli autori del libro, sintetizza così lo spirito sportivo che sta alla base del lavoro: «Lo sport per me rappresenta qualcosa in più di un hobby; è una passione che cementa i rapporti personali e dà una spinta al miglioramento: proprio per questo, chi lo vive come occasione per fare danni non può dire di essere sportivo o amante dello sport. I fatti del 2 febbraio 2007 mi hanno fatto cambiare  prospettiva sullo sport e, da allora, vivo questa passione con maggior distacco e in maniera più matura».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×