Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Alfio, fondi per il Castagno dei cento cavalli
Sindaco: «Rarità più nota all'estero che in Sicilia»

Arrivano dal Cipe quasi due milioni di euro per riqualificare l'area intorno al plurimillenario albero, monumento Unesco dal 2008. Con una bretella stradale si eviterà che le auto circolino intorno al sito con visitatori in costante aumento. Le parole a MeridioNews del primo cittadino etneo Pippo Nicotra

Giorgia Lodato

Quasi due milioni di euro arrivano dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) per valorizzare l'area dove sorge il secolare Castagno dei Cento Cavalli, nel Comune di Sant'Alfio, alle pendici dell'Etna. 1.898.873 euro per la precisione, come riporta una nota recapitata nel paesino dal ministro dello Sport Luca Lotti. Questa la notizia che riempie d'orgoglio gli affezionati a questo luogo di storia e di incontri, riconosciuto monumento Messaggero di pace dall'Unesco. A cominciare dal primo cittadino Pippo Nicotra, che racconta di un progetto rimasto per anni in un cassetto e su cui oggi, nella fase finale del suo mandato da amministratore - nel piccolo centro si voterà in primavera inoltrata - si potrà cominciare a lavorare. «Abbiamo unito due vecchi progetti proponendone uno che prevede diversi interventi sul patrimonio culturale ed ambientale - spiega il sindaco a MeridioNews - Uno dei problemi che ci premeva risolvere con urgenza è quello relativo al traffico veicolare, ci sono auto che passano dal Castagno per raggiungere un ristorante e le abitazioni che si trovano lì sopra, essendo quella l'unica strada di accesso praticabile».

Prevista inoltre la realizzazione di un info point, un'area attrezzata, un percorso pedonale artistico - didattico di avvicinamento al Castagno con relativi spazi di sosta, servizi igienici e, appunto, una bretella stradale a est del Castagno in modo da deviare il flusso veicolare attorno all'albero. In programma anche il recupero di alcuni casolari agricoli, la riqualificazione della recinzione a protezione dell'imponente albero ed un ampio parcheggio per pullman e autoveicoli.

«Mi auguro che i tempi siano celeri, abbiamo già mandato la documentazione al ministero e non appena il decreto verrà pubblicato in Gazzetta ufficiale ci muoveremo per poterlo inaugurare al più presto - continua Nicotra - sarebbe un bel biglietto da visita, fondamentale anche per lo sviluppo turistico della nostra zona». Il Castagno, come ricorda il sindaco, attira sempre più visitatori da ogni parte del mondo, tra cui molti giapponesi, americani e cinesi.

«Mi sono reso conto di quanto il Castagno sia più conosciuto all'estero che in Sicilia - aggiunge il sindaco di Sant'Alfio - Internet permette a tutti di informarsi e di venire da tante nazioni per ammirare questo monumento». Per questo è prioritario valorizzare l'albero e tutto quello che rappresenta per Sant'Alfio. «Ci stiamo riuscendo ed è una grandissima soddisfazione, anche perché non è semplice di questi tempi ottenere finanziamenti del genere», rimarca Nicotra. Nel 2007 si era fatto un tentativo con un bando europeo non andato,però, a buon fine.

I percorsi pedonali saranno aperti e praticabili anche dai disabili. «Ormai si tende ad abbattere qualsiasi tipo di barriera architettonica e uno degli obiettivi è proprio renderlo fruibile a tutti», ricorda il sindaco che poi preannuncia altre iniziative future. Con la messa in sicurezza della zona circostante il Castagno, infatti, crescerà il numero di eventi organizzati nell'area. «In questi anni siamo stati limitati perché la mancanza del parcheggio creava il caos - conclude Nicotra - A maggio, però, ricorrerà il decimo anniversario dal riconoscimento Unesco ed abbiamo già in cantiere una grande manifestazione attorno al nostro Castagno». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×