Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parco Gandhi, vandalizzata statua del filosofo indiano
«Luogo mal frequentato, nessun giardiniere da mesi»

Il giardinetto, che si trova nelle vicinanze di via Santa Sofia, è spesso oggetto di inciviltà e danneggiamenti. La scultura che ritrae il pacifista, donata alla città dal governo di Nuova Delhi nel 1998, è stata sporcata con vernice rosa e simboli volgari. Guarda le foto

Giorgia Lodato

Foto di: Giorgia Lodato

Foto di: Giorgia Lodato

«È una jungla qua, non ci viene mai nessuno, a parte qualcuno della zona a far passeggiare il cane, o qualche gruppetto di ragazzini che si fanno le canne». È questa la mesta fotografia che ritrae la situazione attuale del parco Gandhi, uno dei polmoni verdi catanesi, che sorge nell'omonima piazza a cui si arriva da via Santa Sofia, poco prima di imboccare la circonvallazione. Lo racconta un’anziana signora della zona mentre, con il figlio, passa di fronte al parco per buttare la spazzatura. «Non si vede un giardiniere da mesi - dice la donna con un tono sarcastico - e di certo non si può dire che sia un luogo ben frequentato, visti i continui atti vandalici che si verificano al suo interno».

L’ultimo, in ordine di tempo, ha colpito proprio la statua di Mahatma Gandhi, simbolo del parco, donata il 17 ottobre 1998 alla città di Catania dal governo indiano. In pochi conoscono la storia che sta dietro l’arrivo del monumento, che oggi appare dipinto di rosa e ricoperto, in parte, da disegni fallici.

«Il parco non è in totale stato di abbandono - precisa il figlio della signora, anche lui residente in zona - i cestini della spazzatura vengono svuotati con regolarità e anche l’erba, ogni tanto, viene tagliata e le piante potate». La parte più trascurata, dunque, sembrerebbe proprio l'ingresso del parco che, come si legge su un cartello, farebbe parte del «programma operativo nazionale Sicurezza per lo sviluppo del Mezzogiorno d’Italia» portato avanti dall’Unione europea e dal ministero dell’Interno.

«Ormai questa città è sempre più spesso vittima di atti vandalici, spesso i ragazzini rompono le luci tirando le pietre», commenta Emanuele Giacalone, presidente della quarta Circoscrizione che comprende San Giovanni Galermo, Trappeto e Cibali, che - giunto sul luogo nel tardo pomeriggio - racconta di aver trovato il parco completamente al buio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.