Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Call center Qè, incontro dei sindacati al Mise
«Soddisfatti per impegni presi da istituzioni»

Al ministero dello Sviluppo economico si è discusso del futuro degli oltre duecento ex dipendenti. Allo stato attuale dei fatti, sembra confermata la trattativa contrattuale che potrebbe portare alla ricollocazione di una parte dei lavoratori

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Tornano da Roma moderatamente soddisfatti i rappresentanti sindacali della Cgil e della Cisl e anche il sindaco di Paternò, Nino Naso, dopo aver partecipato a un’incontro durante il quale si è discusso del futuro degli oltre duecento ex dipendenti del call center Qè. Presenti nella sede del ministero dello Sviluppo economico anche Alessandro Ferrara, funzionario della Regione Sicilia e Franz Di Bella, il titolare della Netith, il nuovo progetto imprenditoriale nato da qualche mese e attivo nel settore informatico, dei servizi di incubazione di impresa e di digitalizzazione di documenti. 

Soddisfazione hanno espresso i rappresentanti sindacali per lo stato attuale della vertenza e soprattutto in merito alla conferma da parte dei funzionari del ministero che sarebbe in fase avanzata la trattativa contrattuale tra Netith e le committenti Transcom - che gestisce i servizi Inps e Inail - e Enel. In sostanza, da Roma avrebbero confermato l'impegno a verificare in tempi brevi le tempistiche e i possibili volumi di lavoro da assegnare a una parte degli ex dipendenti Qè, ancora non meglio precisata, che dovrebbe portare a una loro ricollocazione. 

«Auspichiamo che finalmente gli impegni presi dalle istituzioni si trasformino in atti concreti. Da parte nostra vigileremo sui prossimi sviluppi e continueremo, giorno dopo giorno, a tenere alta l’attenzione su questa vicenda», assicurano i rappresentanti sindacali di Slc-Cgil, Gianluca Patané, Valentina Borzì e Giovanni Arcidiacono, e di Fistel-Cisl, Antonino Clemente e Anna Orifici.

«La battaglia degli ex lavoratori Qé è la battaglia dei nostri figli - commenta il primo cittadino paternese, Nino Naso - e sono orgoglioso di essere stato al loro fianco al ministero e di aver difeso queste persone che sono state ingiustamente private del lavoro. È in primo luogo una questione di legalità e insieme otterremo quello che chiediamo. Adesso attendiamo che il Mise verifichi lo stato di avanzamento dei lavori». 

Un incontro definito positivo anche per il titolare della Netith. «Abbiamo ribadito che l’azienda è presente e in costante crescita. C’è una trattativa in corso ed è meglio procedere a fari spenti». Intanto il nuovo progetto imprenditoriale cresce: dalla sua apertura di fine ottobre sono stati oltre 150 i lavoratori a progetto nella sede di contrada Tre Fontane. Numero che sembra destinato a crescere nei prossimi mesi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×