Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picanello, 146 chili di droga nascosti nella scuola
Arrestati due uomini per spaccio di stupefacenti

Michele Christopher Cuffari, di 26 anni, e Davide Schillace, di 58 anni, sono ritenuti responsabili di aver utilizzato alcune zone dell'istituto come deposito di marijuana. Un vero e proprio bunker ricavato nelle fondamenta della costruzione in cui nascondevano sostanza dal valore di un milione di euro. Guarda il video e le foto

Redazione

Centoquarantasei chili di marijuana sono stati sequestrati dalla squadra mobile di Catania. Erano nascosti in un bunker ricavato sotto a una scuola nel quartiere Picanello. La polizia ha arrestato Michele Christopher Cuffari, pregiudicato di 26 anni, e Davide Schillace (58 anni) ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Una quantità di droga dal valore commerciale di 150mila euro che, se messa sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno illecito superiore a un milione di euro

Le indagini sono iniziate quando la sera dello scorso 10 gennaio, Cuffari - già noto ai poliziotti per i precedenti reati in materia di stupefacenti - è stato notato a Picanello mentre a bordo del suo motorino entrava all'interno di un istituto scolastico della zona insieme a un altro individuo arrivato con la propria automobile. Dopo pochi minuti, il giovane si è allontanato dal plesso portando con sé una busta di plastica di quelle che si utilizzano normalmente per fare la spesa. La circostanza ha insospettito il personale della squadra mobile che ha deciso di procedere a un controllo.

Quando il giovane si è accorto della presenza degli agenti ha inizialmente cercato di scappare ma poi, vistosi ormai raggiunto, ha abbandonato il sacchetto all’interno del quale i poliziotti hanno trovato due chili di marijuana. L’altra persona, che nel frattempo era rimasta nel cortile interno della scuola e che aveva assistito a tutte le fasi del controllo, si è avvicinata ai poliziotti chiedendo loro se avessero bisogno di aiuto e anzi sostenendo che Cuffari si era introdotto nell'edificio senza permesso e che era stato invitato da lui a uscire.

Schillace Davide, 1960

Cuffari Christopher Michele, 1992

Davide Schillace non sapeva che i poliziotti avevano assistito a tutta la scena sin dall'inizio. Dalla perquisizione poi effettuata dentro a un vano adibito a deposito nella «disponibilità esclusiva» di Schillace sono stati rivenuti degli involucri di cellophane contenenti marijuana. Altra droga è stata trovata in grande quantità all’interno di un bunker ricavato nelle fondamenta della costruzione, il cui ingresso era stato nascosto da una porta in metallo ad apertura scorrevole. In particolare, tre involucri da tre chili, tredici confezioni da 16 chili all'interno di un frigorifero in disuso e poi dieci sacchi di plastica e due borsoni con circa 125 chili di marijuana. Per un totale di 146 chili. Entrambi gli uomini sono stati portati nella casa circondariale di Catania in piazza Lanza a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×