Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Biancavilla, i volontari trovano due cani avvelenati
Vigili urbani proveranno a fare chiarezza sul caso

I meticci Miele e Nerone sono stati recuperati dagli attivisti dell'associazione Gepa. Mentre la vicenda è stata denunciata con un post su Facebook della Lega anti vivisezione. Amarezza da parte del sindaco Pippo Glorioso, che ha chiesto agli agenti «chiarimenti urgenti»

Salvatore Caruso

«Miele e Nerone erano molto amici e stavano sempre insieme. Vivevano liberi ma accuditi dai cittadini di Biancavilla. Almeno fino a ieri, quando qualcuno li ha avvelenati. Miele purtroppo non ce l'ha fatta, mentre Nerone, dopo ore di agonia, è stato ricoverato e ora è in prognosi riservata». A denunciare l’ennesimo caso di barbaria nei confronti degli amici a quattro zampe è stata la Lega anti vivisezione dalla sua pagina Facebook. 

I due meticci sono stati avvelenati in contrada Vallone Rosso, in zona Vigne, area di villeggiatura di Biancavilla, tra i boschi dell’Etna. Il ritrovamento, da quanto si apprende, si deve ai volontari dell’associazione Gepa, che per conto del Comune svolge un servizio di controllo ambientale. Un animale era già morto, l’altro agonizzante. Avvelenati probabilmente con il classico metodo delle polpette. La relativa segnalazione è stata fatta al comando della polizia municipale, sia per rimuovere le carcasse che per tentare di capire chi possa essere il responsabile del gesto. 

Rammaricato il sindaco Pippo Glorioso, il quale interviene attraverso la sua pagina Facebook: «Gesto vile, violento e disumano. Speriamo che le autorità di competenza possa identificare l'autore di questo scempio. Nello stesso tempo, l'assessore al ramo Luigi D'Asero, ha chiesto ai vigili urbani urgenti chiarimenti per ricostruire la vicenda. Verificheremo ciò che emergerà dalla relazione. Stamattina ci siamo informati sulle condizioni del cane superstite e risponderebbe alle cure».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×