Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mattarella a Librino, il monito di Antonio Presti
«Quella periferia va rispettata, non recuperata»

«Mi piacerebbe che la visita portasse con sé un impegno concreto, magari per i Briganti». Lo dice il mecenate di Tusa a MeridioNews, commentando l'arrivo del presidente della Repubblica nel quartiere alla periferia sud di Catania. Il rischio passerella è in agguato, e per evitarlo occorre ricordarsi di Bufalino

Francesco Vasta

Oggi pomeriggio, a Librino, ad accogliere il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non ci sarà uno dei volti che la storia di quel quartiere l'hanno fatta. Antonio Presti, il mecenate della Porta della Bellezza e di mille altri germogli d'arte disseminati in giro per la Sicilia, seguirà - o forse no - a distanza la cronaca della giornata. «Ѐ un periodo densissimo di impegni, c'è tanto da fare per varie iniziative che sto attuando», racconta a MeridioNews, dopo l'ennesimo incontro di giornata, il fondatore di Fiumara d'Arte. Alle prese, da ultimo, con una vera e propria perlustrazione palmo a palmo del territorio etneo. 

Da quando infatti il villaggio Le Rocce di Taormina gli è stato affidato in comodato per 99 anni, il baricentro delle sue attività di pastore della rigenerazione territoriale e sociale si è spostato proprio tra l'Etna e lo Jonio: «Sto girando tutte le scuole della zona, dal mare alla montagna, una cosa da levarsi la vita, sto presentando il progetto di abbellire l'ospedale di Taormina con 500 quadri fatti dai ragazzi». Ma c'è anche il museo naturale da creare fra le betulle dell'Etna e pure la ricerca delle sorgenti d'acqua della zona. «Per creare un filo conduttore fra i vari paesini del versante che unisca l'arte e l'acqua fonte di vita», lascia trapelare Presti, che comunque il cuore da Librino non lo distoglierà mai del tutto. Anche se le polemiche, gli ostacoli spuntati a complicare la vita della Porta - monumento di terracotte fatte da 2000 studenti del quartiere, inaugurato nel 2009 - sembravano averlo nauseato. 

«Librino non lo lascio, amo Librino e lo dico sempre: Librino è bello e ho già in mente un nuovo grande progetto che presto renderò pubblico», scandisce il mecenate, preoccupato anche dall'ultimo violento episodio registrato nella grande periferia di Catania, l'incendio al campo San Teodoro dei Briganti rugby. Che significato può avere la venuta di un capo dello stato, oggi, per un quartiere dove cambiare sembra così tremendamente difficile? «Sono felice per la visita del presidente, ma quella di oggi resterà una passerella se non ci saranno anche atti concreti», risponde Presti, passando subito a chiarire il concetto: «Mattarella potrebbe ad esempio assumere un impegno economico in prima persona per i Briganti, meno parole e più fatti, mi piacerebbe che le cose andassero così». 

Impegno che non dovrebbe avere i connotati del solito, raffazzonato, assistenzialismo. «Librino è una periferia dove il male spesso si somma alla disperazione - spiega Presti ricordando anche il pescatore datosi fuoco, nel rione, solo tre giorni fa - che però, come tutte le periferie, va rispettata e non semplicemente recuperata, c'è bisogno di bellezza e di difendere i presidi etici come le scuole, le associazioni, il campo dei Briganti, meno parole e più fatti». Il pensiero va a Gesualdo Bufalino: «Come diceva lui riguardo alla lotta alla mafia, occorre un esercito di insegnanti, di maestri, ecco dove serve la presenza delle istituzioni», chiosa il mecenate di Tusa. 

Intanto, per la visita di Mattarella, il quartiere è stato in parte tirato a lucido in poche ore. Lungo il percorso del corteo presidenziale è stato tutto un susseguirsi di potature, manutenzioni e pulizie che qualche residente giura di «non aver mai visto» da quelle parti. Ci voleva il presidente della Repubblica per ridare decoro a Librino? «Sono convinto che ognuno debba assumersi la responsabilità del fare - commenta Antonio Presti, che proprio l'amministrazione di Catania aveva sferzato dopo lo stop al Rito della Luce - ben venga tutto questo, ma se si tratta di un fare momentaneo, di uno spot, tutto lascia il tempo che trova»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews