Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La riserva Fiumefreddo devastata da un incendio
Indagini e sopralluogo in corso per capire le cause

Le fiamme sono divampate nel pomeriggio di ieri e le operazioni di spegnimento sono durate fino a questa mattina. Al momento è ancora in corso la prima verifica per accertare i danni provocati e la dinamica. «Fanno pensare le dimensioni dell'episodio in questo periodo», commenta il responsabile Gaetano Torrisi

Salvatore Caruso

Un incendio di vaste dimensioni si è sviluppato nel tardo pomeriggio di ieri, intorno alle 19, all'interno della riserva naturale orientata Fiume Fiumefreddo. Alimentate dal forte vento che soffiava sulla città etnea, le fiamme hanno interessato in particolare la parte nord della riserva.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Acireale, di Riposto, di Linguaglossa, di Randazzo, di Paternò e anche squadre del comando provinciale di Catania. Le operazioni di spegnimento sono state lunghe e complicate e si sono concluse soltanto intorno alle 6.30 di questa mattina. Le fiamme hanno lambito anche la casa dei custodi. Un'ambulanza del 118 ha soccorso la moglie del custode, impaurita e rimasta leggermente intossicata dal fumo ma senza riportare gravi conseguenze. 

«Stiamo ancora effettuando un primo sopralluogo per comprendere l'entità del danno alla riserva - spiega a MeridioNews Gaetano Torrisi, il responsabile delle riserve della provincia di Catania - e anche le cause che possono averlo provocato. Anche se fa pensare che il 18 gennaio si sviluppi un incendio di queste dimensioni». Mentre non è ancora stato possibile accertare se si sia trattato di un episodio di matrice dolosa o colposa, intanto i danni sembrano essere notevoli. Sul posto anche i carabinieri di Fiumefreddo che, al momento, stanno conducendo le indagini. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×