Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scordia, raid notturno nel palazzo del Comune
«Clima pesante» dopo l'arresto di Biancoviso

Il blitz Chaos 2 ha fatto scattare le manette ai polsi dell'imprenditore scordiense Rocco Biancoviso. Appena un giorno dopo la pubblicazione di una nota, sollecitata da più parti politiche, con le quali l'amministrazione annuncia di volersi costituire parte civile in un eventuale processo, arrivano i danneggiamenti. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Porte divelte, documenti gettati in aria e, alla fine, solo il furto di 72 assegni - già intestati, e del valore di poco più di cinquanta euro ciascuno - per i buoni libro. È la scena che si sono trovati davanti, ieri mattina, i dipendenti del Comune di Scordia. Entrati come ogni giorno per lavorare e costretti a fare i conti con l'intromissione notturna in municipio. «Una coincidenza piuttosto strana», la definisce il primo cittadino Franco Barchitta, che proprio in questi giorni deve affrontare le polemiche - sollevate dal Movimento 5 stelle e da Scordia bene comune - a proposito del silenzio dell'amministrazione, almeno in pubblico, seguito all'arresto dell'imprenditore scordiense di 51 anni Rocco Biancoviso. Accusato dalle forze dell'ordine, che lo hanno catturato nel corso dell'operazione Chaos 2, di essere stato l'amico buono, cioè l'intermediario tra una ditta che si occupava della posa della fibra ottica nel Comune di Catania e Antonio Tomaselli, nuovo presunto reggente della famiglia Santapaola-Ercolano. «Biancoviso? Certo che lo conosco - afferma Barchitta - Come a Scordia lo conoscono in tanti. Mi aveva telefonato una settimana prima dell'arresto, ma per parlare di legalità».

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×