Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Studenti, se la protesta diventa europea

A Parigi, dall’11 al 13 febbraio, universitari del vecchio continente (e qualcuno anche dagli Stati Uniti) si incontreranno per discutere le ragioni che li hanno portati in piazza in questi mesi. Privatizzazione e precariato, infatti, non sono solo una questione italiana

Roberto Quartarone

Benché le proteste degli scorsi novembre e dicembre in Italia abbiano sortito effetti contraddittori e non siano riuscite a fermare l'approvazione del ddl Gelmini, i giovani non si sono ancora fermati. Senza proclami, c'è chi sta tentando di dare una dimensione europea alla collaborazione tra studenti universitari con l'obiettivo di salvare l'istruzione, che anche nel resto del continente non gode di ottima salute.
 
«Credo che per poter lavorare su scala europea – sono le parole, riportate dal periodico “Diagonal”, di Claudia Bernardi, attivista romana del movimento studentesco invitata a Madrid dal collettivo “Contrapoder” – bisogna prima identificare chi si sta muovendo nelle varie università. Ogni paese ha una sua tempistica, sia nelle lotte sia nell'applicazione del processo di Bologna, ma si è riusciti a incontrarsi malgrado le differenze, aggregando per esempio studenti e ricercatori. Per questo è fondamentale creare un discorso di sedimentazione comune a medio e lungo termine, non di volta in volta in risposta a un fatto locale. È necessario avere dei momenti d'incontro per creare e condividere un progetto comune».
 
Un tentativo di dare una visione europea alle proteste locali lo si darà a Parigi dall'11 al 13 febbraio, quando si terrà un incontro tra differenti gruppi europei e anche americani, organizzato da Edu-Factory (un collettivo internazionale che si occupa dello sviluppo dell'università globale e delle lotte nella produzione della conoscenza). Si approfondiranno i punti in comune contro cui si organizzano i vari movimenti di protesta: la tendenza alla privatizzazione dell'istruzione superiore, il precariato, i prestiti agli studenti che pesano sul loro futuro, il welfare… L'obiettivo finale, invece, è il progetto di una rete europea che coordini le prossime proteste.
 
Alcuni avvenimenti delle ultime proteste hanno valicato i confini nazionali, come esempi di non violenza, come l'occupazione dei tetti in Italia; d'altro canto, hanno fatto anche il giro d'Europa le immagini degli scontri a Roma o dell'assalto alla limousine di Carlo e Camilla a Londra. Ora a varcare i confini dovranno essere gli obiettivi comuni e la solidarietà tra chi vive dei problemi sempre più globali.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×