Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Emiliano Abramo annuncia candidatura a sindaco
«C'è bisogno di alternativa al governo della città»

Il capo della comunità di Sant'Egidio ha reso nota la sua corsa alla carica di primo cittadino del capoluogo etneo durante la conferenza stampa di questa mattina all'Hotel Mercure Catania Excelsior. «Dobbiamo riprendere in mano Catania che non si capisce più in che mani è», ha affermato chiarendo anche i suoi rapporti con Enzo Bianco

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Come ci si aspettava, Emiliano Abramo ha annunciato la sua candidatura a sindaco. Il capo della comunità di Sant'Egidio, lo ha dichiarato durante la conferenza stampa di questa mattina convocata per «aprire insieme una finestra sulla città», all'Hotel Mercure Catania Excelsior. E si era già intuito che oltre la finestra ci sarebbe stato l'orizzonte delle prossime Amministrative a Catania che è stato il tema di tutto l'incontro con la stampa.

«Credo che ci sia bisogno di un’alternativa al sistema che attualmente governa la città - ha detto Abramo in conferenza stampa - e di riprendere in mano una città che non si capisce più in che mani è. A noi è dato il compito di essere il cambiamento per un territorio che vuole ripartire». Questa candidatura ridisegna il centrosinistra a Catania e potrebbe dare origine al derby con l'attuale primo cittadino Enzo Bianco che ha già più volte ribadito di essere candidato. Sollecitato proprio sul rapporto con il sindaco in incarica, che lo voleva assessore, Abramo ha risposto così: «Bianco mi ha chiesto una mano in passato ma ho ritenuto di non accettare. Oggi ritengo si debba andare oltre».

I toni si sono alzati durante l'incontro di presentazione della candidatura specie in merito a quelle che il leader locale del movimento di laici fondato da Andrea Riccardi ha definito «scelte gravemente irresponsabili sul piano di riequilibrio che prevede - ha precisato - che il debito venga spalmato anche fra chi ancora non è nato. E io, da buon padre di famiglia, lo trovo inaccettabile». Immaginando un futuro a palazzo degli Elefanti, Abramo ha di mira la trasparenza: «voglio capire con chiarezza come si sono amministrati i soldi, voglio entrare nei luoghi in cui si determinano gli sprechi e capire chi compie le scelte in questa direzione».

Un breve passaggio sulle strade fatte ripulire in occasione della visita del presidente Sergio Mattarella e sulle famiglie che stanno occupando la cattedrale, prima di passare al tema della legalità. «A me sembra che questo termine sia stato applicato spesso al mondo delle bancarelle e dei piccoli commercianti ma meno spesso ai grandi tavoli dove si sono fatti degli affari. Non mi preoccupa chi ha le mani che puzzano di pesce ma le scrivanie dove non si vede chi è seduto a determinare le dinamiche che appesantiscono la città».

Altro grande tema della conferenza stampa è stato quello del piano regolatore «tanto atteso dalla città ma che non arriva a causa di una assoluta mancanza di visione perché quel piano terrebbe conto non solo della città com'è adesso ma anche di come si evolve nel tempo. Mentre ora - sostiene - la nostra è solo una città che non ha più cervello». Prende le distanze dal sindaco uscente, precisando che non è un attacco diretto a Enzo Bianco «ma non condivido la sua rara partecipazione alle sedute del consiglio comunale e ricordo che la figura del sindaco, in generale, non è un one man show che danza sul palco della città». 

Parla di Catania come di una «città europea che come tale deve ragionare» e invita tutti «come cittadini e come società civile a fare lo sforzo di spingere in questa direzione dando fiducia a chi ha voglia di fare. Per chi viene dalla mia sensibilità l'unica scelta è dire "io ci sono con gli altri e per gli altri per lanciare processi di condivisione, sogni e prospettive per le future generazioni, per non vedere più una città ripiegata su se stessa che invita i giovani a scappare via».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×