Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Licenziato ingiustamente», il giudice reintegra Consoli

Stamattina il giudice del lavoro ha emesso l' ordinanza che prevede la reintegra immediata per l’ex dirigente dei sistemi informatici del Comune di Catania, allontanato con l'accusa di «infedeltà». L’amministrazione condannata al risarcimento dei danni e a pagare le spese processuali - Funzionario “infedele”, ma a chi?

Paola Roccella

Reintegra immediata nel posto di lavoro, pagamento di un'indennità pari alla retribuzione totale degli stipendi dal giorno del licenziamento ad oggi e pagamento delle spese processuali a favore del dipendente licenziato. Questa l'ordinanza emessa stamattina dal giudice del lavoro a favore di Maurizio Consoli, dirigente dei sistemi informatici del Comune di Catania, che un mese fa aveva presentato ricorso ex art.700 c.p.c. contro l'ente datore di lavoro per ingiusto licenziamento.

Il provvedimento disciplinare attuato mesi fa dal Comune aveva fatto molto rumore, dato che l' ingegner Consoli era stato licenziato in tronco con l'accusa di «slealtà, scorrettezza» e di aver leso il rapporto di fedeltà tra ente datore di lavoro e funzionario. «Fedeltà a cosa?», si sono chiesti tutti, dato che l'ingegnere ha affermato dall'inizio – avvalendosi di un' ampia documentazione a sua difesa – di aver svolto il proprio dovere, sempre nel rispetto della legge. Presto è stato avanzato il sospetto che il licenziamento non fosse dovuto a un effettivo comportamento scorretto del dirigente, ma alla scoperta da parte dello stesso di alcune gravi irregolarità commesse dall'Amministrazione (si veda a tal proposito la documentazione segnalata dal free press “Sud”).

Il ricorso presentato dall'ingegnere Consoli segnalava l'illegittimità del licenziamento in più punti: oltre alla mancanza di giusta causa e la sproporzione tra i fatti contestati e la sanzione imposta, il giudice ha accolto l'accusa di violazione delle norme del procedimento disciplinare. L'Amministrazione non ha infatti rispettato il preavviso di 20 giorni, previsto dalla legge, per la convocazione a difesa dell'ingegnere, che è stato convocato con un preavviso di soli 10 giorni. Questo ha implicato la «decadenza dell'azione disciplinare» e dunque l'illegittimità della sanzione.

Inoltre, si legge, «La perdita della retribuzione protratta nel tempo appare certamente idonea a ledere i diritti non patrimoniali del ricorrente, ovvero il diritto ad una vita libera e dignitosa», motivo per cui è stato imposto al Comune di retribuire al dirigente un indennità pari ai mesi di stipendio non pagati dal giorno del licenziamento fino ad oggi, oltre le spese processuali.

L'avvocato di Consoli, Mario Giarrusso, si dice «molto soddisfatto della pronuncia del giudice, perché ha ritenuto fondato il ricorso e illegittimo il licenziamento. Il giudice non ha solo ritenuto il licenziamento illegittimo, ma anche lesivo dei diritti del mio assistito, per questo motivo ha condannato l'Amministrazione al risarcimento del danno». E conclude: «E' stato un importante riconoscimento della correttezza dell'operato dell'ing. Consoli».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×