Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, prefettura di Latina commissaria Ecocar
A Catania si occupa dei rifiuti insieme a Senesi

L'azienda era stata inoltre colpita il 30 gennaio da una interdittiva antimafia dell'ufficio territoriale del Governo di Roma. Un provvedimento che sarebbe motivato dalla collaborazione catanese con Senesi. Ma il rappresentante di quest'ultima, Rodolfo Briganti, dichiara: «Il nostro provvedimento è sospeso» 

La prefettura di Latina, su richiesta del'Anac, avvia il commissariamento di Ecocar, azienda che gestisce in proroga, in accoppiata con Senesi, il servizio di igiene urbana a Catania. Lo scrive l'Ansa. L'arrivo dei commissari non impedirà alla ditta di proseguire i lavori nei Comuni in cui opera. Ad accelerare il commissariamento sarebbe stata la situazione del Comune di Caserta, dove l'appalto quinquennale da 60 milioni è agli sgoccioli, e dove si renderà necessaria quasi certamente una proroga del servizio. Che, con i rappresentanti della prefettura al posto di comando, potrebbe essere concessa senza problemi.

L'azienda era stata inoltre raggiunta, lo scorso 30 gennaio, da una interdittiva antimafia spiccata dalla prefettura di Roma. Secondo l'Ansa, sarebbe proprio il rapporto di collaborazione con Senesidi recente colpita dall'inchiesta Gorgoni della procura etnea, a convincere l'ufficio territoriale del governo a emettere il provvedimento interdittivo. «Non ho ricevuto comunicazioni da nessuno - dice a MeridioNews Rodolfo Briganti, rappresentante legale di Senesi - e non abbiamo ricevuto altri provvedimenti. L'interdittiva antimafia che ha colpito la mia azienda - prosegue - è stata sospesa in via cautelativa a dicembre dal Tar, per via di un nostro ricorso. Da allora non abbiamo ricevuto altro». Briganti è accusato di corruzione dai pm catanesi. 

Ecocar era stata raggiunta anche nel 2014 da un provvedimento interdittivo, poi annullato nel 2016. L'azienda, nello scorso maggio, aveva ricevuto dal Comune di Catania il servizio di raccolta dei rifiuti con una «aggiudicazione non efficace», dicitura utilizzata quando non sono ancora stati verificati tutti i requisiti necessari per l'aggiudicazione definitiva e, quindi, per la stipula del contratto. Il tutto perché Ecocar non aveva ancora prodotto la certificazione antimafia. Due giorni fa, per altro, è andata deserta, per la terza volta, la gara d'appalto per il servizio di spazzamento e raccolta dei rifiuti celebrata dall'amministrazione comunale. L'assenza di offerte - nonostante i molti aggiustamenti del bando rispetto alla prima versione - è stata considerata «strana» dall'assessore all'Ecologia Rosario D'Agata, che ha deciso di trasmettere gli atti dell'appalto alla procura e all'Anac. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×