Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Università, verso una protesta europea

Da un incontro tenutosi negli scorsi giorni a Saint Denis, in Francia, scaturiscono alcune iniziative di raccordo tra i movimenti dei vari Paesi. Dal 25 al 27 marzo in programma una iniziativa in vari paesi del Vecchio continente

Roberto Quartarone

Sono stati circa trecento i partecipanti all'incontro organizzato da Edu-Factory sullo stato delle proteste che riguardano l'istruzione in Europa e sulle possibili azioni da intraprendere in futuro. Un programma d'azione comune è stato abbozzato: dal 25 al 27 marzo è stata indetta una movimentazione a livello continentale, principalmente in opposizione alla sempre crescente privatizzazione dell'istruzione. Inoltre, è stato proposto di organizzare un futuro incontro a Tunisi, per dimostrare la vicinanza con i movimenti del mondo arabo, e di partecipare al contro-vertice al G8, che si terrà a Digione dal 5 al 7 maggio.

A Saint-Denis sono intervenuti organizzazioni, studenti e lavoratori da vari paesi, con una grande partecipazione di italiani e inglesi e rappresentanti da Portogallo, Germania, Francia, Austria, Russia, Irlanda, Ucraina, Grecia, Cile, Giappone, Spagna. Sarebbe dovuto intervenire anche un gruppo di tunisini, bloccati in patria perché non è stato concesso loro di entrare in territorio francese. Le esperienze che hanno arricchito i giorni di dibattito sono simili fra loro: la situazione dell'università italiana dopo la riforma Gelmini, l'esagerato innalzamento delle tasse in Inghilterra, i prestiti che gravano sul futuro di tanti studenti.

La condivisione delle esperienze dovrà avere un peso sempre maggiore nell'organizzazione delle prossime proteste. È chiaro che tra un movimento e un altro ci siano grandi differenze per forza, velocità, motivazioni e risultati, ma proprio per questo l'incontro svolto a Saint-Denis è servito ad apprendere da queste differenze per poter aumentare l'efficacia delle prossime azioni. Proprio per continuare questo scambio d'informazioni, è emersa la necessità di andare oltre gli incontri di questo tipo, impossibili quando si verificano fatti d'attualità che richiedono una manifestazione in tempo reale: servirebbe uno spazio comune che raccolga tutte le piattaforme, le pubblicazioni e i siti web sulle esperienze individuali.

Oltre al precariato e alla possibilità di un'istruzione autonoma e libera, si è parlato anche dell'importanza di guardare oltre il muro ideale che separa l'università dal resto del mondo. La scelta di effettuare l'incontro nell'Università di Parigi VIII, nella banlieue nord di Parigi, è stata fatta anche in riferimento a tutti quei giovani che non possono accedere all'istruzione superiore. In più hanno partecipato ai seminari anche personalità come l'attivista Franco Berardi, che ha sottolineato l'importanza di guardare anche alla «Banca Centrale Europea e alla dittatura finanziaria che ci governa».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×