Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il progetto di un catanese di suonare unnieddarè
«Performance all'improvviso, così trasmetti amore»

Flaviano Pennisi, classe 1989, suona la batteria da quando aveva sei anni. Una famiglia di artisti - padre, fratello e sorella musicisti - lo ha spinto a impegnarsi per portare il suo ritmo ovunque. Unnieddarè, in dialetto siciliano. Dal lungomare di Ognina alla Pescheria alle sei del mattino

Chiara Chines

Se il sogno di ogni musicista è quello di far arrivare ovunque la propria musica, Flaviano Pennisi, catanese, classe 1989, è decisamente sulla strada giusta. Con il suo Suonare unnieddarè project vuole non solo portare in ogni dove la sua arte, ma avvicinare a essa chiunque, suonando la batteria nei luoghi più disparati, dal lungomare di Ognina agli Archi della marina, giusto per citarne alcuni«Se suoni con una band in un pub vai a colpire un pubblico che va in quel posto proprio per ascoltare musica - dice a MeridioNews - Ma se ad esempio, suoni alle 6 del mattino nella storica pescheria di Catania, così come ho fatto, trasmetti l'amore per il ritmo a chi in quel momento non avrebbe mai potuto aspettarsi di vedere e sentire suonare una batteria».

Una passione, quella per la musica, e per la batteria in particolare, contagiata dalla famiglia sin da quando era in tenera età: «Con mio padre e mio fratello batteristi e mia sorella pianista ho cominciato già da piccolissimo a respirare musica e a sei anni a suonare». Anni di esperienza e di studio l’hanno condotto poi a maturare, una volta ventenne, l’idea del Suonare unnieddarè project, un progetto che già dal nome svela il suo intento e le sue origini: «Suonare è semplicemente ciò che faccio e che voglio arrivi a chiunque, unnieddarè, che vuol dire ovunque in dialetto siciliano». Da una parte le radici, dall'altra le speranze per il futuro: «Il project finale indica quel tocco di internazionale che vorrei dare a questo progetto, sperando di riuscire a suonare anche fuori dall’Italia, a Londra o ad Amsterdam, o in Ungheria magari».

Ma il suo progetto svela non solo una personale ambizione, ma anche una funzione sociale della musica: «L'obiettivo che mi sono prefissato è quello di avvicinare a questa meravigliosa arte e soprattutto i giovani - continua - perché sono fermamente convinto che la musica e lo studio di uno strumento trasmettano quella attenzione e quella disciplina che serve nella vita di tutti i giorni». Tolto il fatto che un adolescente che «decide di studiare seriamente uno strumento non avrebbe nemmeno il tempo di intraprendere cattive strade». Soprattutto nei quartieri considerati «difficili: il messaggio che voglio lanciare è che la musica è uno strumento di aggregazione - prosegue Flaviano - Unisce le persone. Bastano alcuni minuti di ritmo per ricevere un'accoglienza calorosa, una stretta di mano sincera, una partecipazione positiva».

Il suo tour improvvisato della Sicilia (e non solo) continua. E Flaviano Pennisi, senza volere anticipare le tappe del progetto - proprio per non tradire l'effetto sorpresa - lancia un invito: «Vorrei che anche altri colleghi musicisti partecipassero attivamente. La musica è soprattutto condivisione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×