Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Soldi, donne e ricariche telefoniche

Reportage da Mineo. Arrivati sulla terraferma, in queste ore decine di extracomunitari stanno scappando dal cosiddetto Villaggio della Solidarietà. Vogliono raggiungere i parenti in altri Paesi, trovare un lavoro, iniziare la loro vita qui. «Non è un Paese per immigrati» c'è scritto su uno striscione di Forza Nuova davanti al residence. I militanti di estrema destra protestano e insultano i migranti dentro al recinto

Nelly Gennuso



Pomeriggio inoltrato. La statale Gela - Caltagirone è poco trafficata. Camion, trattori, sparute macchine. Ai bordi, prostitute nigeriane. Quotidianità di sempre. Se non fosse per alcune figure che si scorgono da lontano. Camminano costeggiando la strada, a gruppi di quattro o cinque. Sono migranti fuggiti dal residence degli aranci di Mineo. Sembrano affaticati, stremati. Alcuni corrono, come se fossero inseguiti da qualcuno. Poco dopo, una pattuglia dei carabinieri li sorpassa. Da ieri mattina molti di loro, scavalcando le recinzioni di sicurezza del cosiddetto villa della solidarietà (un "lager" lo ha definito il centro Astalli), si trascinano per le strade e i campi del calatino. Alcuni arrivano anche in paese aspettando in fila il proprio turno per salire su un autobus che li porterà lontano da lì. Molti sono diretti alle stazioni ferroviarie più vicine nel tentativo di salire su un treno che li porterà al nord Italia, forse in Francia dove, ci dice uno di loro, ci sono i suoi familiari. Scappano. In cerca di un futuro migliore, che non sia quello offerto all'interno del villaggio, magari col proposito di integrarsi in un luogo, imparando la lingua italiana e cercando di trovare un lavoro. Tutto questo è al di là di recinzioni che ghettizzano.   Ed è arrivando all'entrata dell'housing che si palesa la ghettizzazione. Molti ragazzi dall'interno del recinto si avvicinano alla rete. Chiacchierano. Ti invitano ad ascoltarli. E rispondono alle nostre domande. Chiediamo allora se vengono trattati bene. «Sì, molto bene» risponde Alì, afgano, mentre con la testa fa cenno di diniego. «Ci trattano benissimo» risponde l'amico tunisino alla sua sinistra.

Un altro, tunisino, soprannominato dai suoi amici che lo circondano «il pappagallo della Tunisia» ci provoca. «Cosa fate qui, voi riprendete. Voi non volete la verità». Poi si avvicina a un agente di polizia: «Chi sono quelli fuori? Sono qui per noi?». Si riferisce ai manifestanti di Forza Nuova che al di là dell'ingresso, a ridosso della strada, hanno sistemato i loro striscioni. "L'Italia non è un paese di immigrati" c'è scritto su uno di questi. Chissà se chi l'ha scritto ha fatto in tempo a parlare con i suoi nonni! Molti di loro hanno presidiato l'intero paese di Mineo, «distribuendo volantini per sensibilizzare la coscienza dei calatini» racconta uno di loro, fiero.

Dentro il centro non si può entrare. Serve l'autorizzazione della prefettura di Catania. «Molti non vogliono essere fotografati o ripresi. Si potrebbero creare tensioni che comprometterebbero l'ordine all'interno del villaggio» intima un altro agente. Non le creeranno sicuramente i manifestanti che, avvicinatisi anche loro, pongono domande: «Volete soldi, donne e ricariche telefoniche, giusto?». Quello che vorrebbero anche i presidianti. Solo che loro vivono fuori. I ragazzi del lager, dentro il recinto.


[Foto di Rosy Parrulli]

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews