Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La guerra in casa

Una signora di Foggia ha inviato sul nostro forum un messaggio disperato: da giorni non riesce più a mettersi in contatto con la sorella che vive in Libia col marito e quattro figli. L'ambasciata di Tripoli? Chiusa dal 18 marzo. «Non so più a chi rivolgermi, aiutatemi»

Appena tre righe, con dentro tutta l'ansia di una sorella disperata: «Chiedo aiuta a tutti. Ho una sorella che ha sposato un libico, ha quattro figli, l'ultimo ha solo quattro anni. Non riesce a uscire fuori da quella gabbia. AIUTATEMI l'ambasciata italiana è chiusa. Vi prego AIUTATEMI». La redazione non poteva far finta di niente. Così abbiamo chiamato la signora Anna, che ci ha raccontato al telefono i suoi giorni d'angoscia.

«Ho sentito mia sorella l'ultima volta venerdì. Mi ha detto che a Tripoli è tutto chiuso, anche l'aereoporto, e non può uscire nessuno. Mi ha detto di stare tranquilla. Quando chiedevo della situazione in Libia, cambiava discorso». Anna Nigro, casalinga residente a Foggia, ci racconta così la sua angoscia per le sorti della sorella residente a Tripoli, la capitale libica al centro dei violenti scontri tra gli insorti e le truppe lealiste di Gheddafi, e colpita anche dai bombardamenti delle alleanze occidentali. 

Leonarda Nigro, 44 anni, sposata con Abdulhakim Fezzani di 53 anni, ingegnere e insegnante in un istituto tecnico di Tripoli, vive in Libia dal 1984, da quando cioè la coppia si è sposata. Negli anni hanno avuto quattro figli, l'ultimo quattro anni fa e fino allo scoppio della guerra non avevano avuto alcun problema, risiedendo nella parte centrale della città nella zona di Shari al-Masira al-Kubra. Con l'aumentare degli scontri e dei bombardamenti però i contatti tra Anna Nigro, la sorella e i suoi nipoti sono diventati sempre più difficili e sporadici. «Venerdì mi ha detto di stare tranquilla. Poi si sono sentite delle urla, ed è caduta la linea». Sul territorio libico, quindi, ci sono ancora cittadini italiani, ma per loro non vi è nessuna assistenza istituzionale: «Ho chiamato i numeri dell'ambasciata, molti. Nessuno risponde. O, chiamandone altri, cade la linea». 

L'ambasciata d'Italia a Tripoli infatti risulta temporaneamente chiusa dal 18 marzo. Negli ultimi giorni, da dopo l'ultima chiamata di venerdì, la Signora Nigro ha tentato di richiamare i suoi parenti, ma senza successo. Il cellulare del nipote più grande non ha linea e al telefono fisso della loro residenza a Tripoli non risponde nessuno. «Ho provato a mandare una lettera alla casella postale di mio cognato, ma è tornata indietro». Anna Nigro non naviga nell'oro, ma è decisa a fare il possibile perché sua sorella torni in Italia al sicuro. La signora ha anche inviato e-mail ad alcuni quotidiani nazionali, ma da loro nessuna risposta. Questo silenzio, dall'Italia e dalla Libia, ha accresciuto in lei il pensiero che sua sorella sia in pericolo e che lei deve fare qualcosa. «Non riesco più a vivere pensandola in pericolo. Sono convinta che solo i giornalisti italiani possono aiutarmi. Voi e magari quelli che sono inviati in Libia. Aiutatemi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews