Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La rinascita dell’Experia

Il 26 marzo la palestra comunale di via Verginelle a Catania, chiusa dal dicembre scorso per “inagibilità”, è stata occupata dai militanti del Cpo, che stanno a poco a poco facendo ripartire tutte le attività che si svolgevano nella sede di via Plebiscito, sgomberata più di un anno e mezzo fa

Paola Roccella



Gli zainetti colorati sono già sul tavolo di una delle stanze della palestra di via Verginelle che lentamente comincia a riprendere vita. I bambini sono venuti per fare doposcuola con dei ragazzi che, a loro volta, dovrebbero prepararsi per gli esami universitari, ma che sacrificano volentieri il loro tempo libero per una causa che ritengono di vitale importanza: il bene del quartiere. Sono i ragazzi del collettivo Experia che, il 26 marzo, hanno occupato la Palestra Comunale di via Verginelle, riprendendosi gli spazi che gli erano stati tolti un anno e mezzo fa con la chiusura del Centro Popolare Occupato di via Plebiscito.

La palestra comunale di via Verginelle, un ampio edificio a due piani, si è trovata al centro di un contenzioso tra il Comune di Catania e il Consorzio Sportivo Mongibello che aveva in gestione la struttura fino allo scorso dicembre, quando è stata chiusa per inagibilità. In uno dei locali più ampi si nota come, a seguito di infiltrazioni di acqua, sia crollata una parte dell'intonaco del soffitto che lascia così scoperte le travi di ferro. Il Consorzio Mongibello, che aveva allora in gestione la struttura ha ricevuto dal Comune una diffida, nonostante si fosse dichiarato disponibile a eseguire i lavori di manutenzione. Il risultato del contenzioso? La chiusura dell'edificio. E qui arrivano i ragazzi dell'Experia che, scandendo il loro slogan, “Qui siamo e qui restiamo”, hanno preso possesso dell'edificio in cui stanno a poco a poco riprendendo le attività "al servizio dei cittadini". Luigi Marino, rappresentante del comitato gestione dell'Experia, afferma: «C'erano delle attività ben definite fino a novembre e la possibilità di rimettere in sesto la struttura, ma l'Amministrazione ha mostrato una totale mancanza di volontà. Crediamo che il Comune stia prendendo tempo per sviluppare altri progetti di tipo privato». E aggiunge: «Tuttavia, se il Consorzio Mongibello riprenderà in gestione l'edificio, noi non ci opporremo».

 

Il 30 ottobre 2009 veniva sgomberato e chiuso il Centro Popolare Experia, un edificio abbandonato che veniva sfruttato come punto di riferimento per gli abitanti del quartiere, specialmente quelli di condizioni più disagiate. Un anno e mezzo dopo l'edificio sgomberato si presenta ancora chiuso, abbandonato. Le promesse fatte dall'Amministrazione sono rimaste incompiute. E così, i militanti dell'Experia hanno deciso di occupare un altro luogo, le cui porte erano state sprangate, ancora, dal Comune.

 

«La gente del quartiere, appena ha saputo della nuova occupazione, è accorsa subito», spiega Fabio Lolicato, uno dei giovani attivisti dell'Experia. È soprattutto il servizio di doposcuola che sembra riscuotere più successo, in quanto dà la possibilità a famiglie con poche risorse economiche di aiutare i figli nello studio e di contrastare, di conseguenza, gli alti tassi di dispersione scolastica di uno dei quartieri più poveri di Catania.
Ma il doposcuola non è l'unico servizio. Lolicato ci mostra tutti gli ambienti dell'edificio che saranno destinati ad attività sportive, tra le quali judo, box, ginnastica ritmica. Una delle stanze dovrebbe diventare un aula studio per universitari e, forse, in un altro dei locali della struttura, si allestirà anche una cucina popolare. Gli attrezzi accatastati della vecchia palestra sono stati ripuliti e riabilitati e molti degli ambienti sono già puliti e popolati di ragazzi e bambini.

 

«Vogliamo offrire un punto di riferimento al quartiere» continua Lolicato, spiegando la motivazione alla base dell'atto di protesta: «Togliere i ragazzi dalla strada e ristabilire il contatto con la gente offrendo loro una serie di servizi, tra cui lo sportello legale e di consulenza sul lavoro, per aiutare, ad esempio, i giovani che non sanno come stilare un curriculum vitae e che per questo non possono accedere nemmeno ai lavori più umili».

 

Video di Sonia Giardina

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×