Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Case loro

A Catania, una città che ha bisogno di sviluppo e legalità, la macchina burocratica che si muove attorno ai beni confiscati alla mafia è incredibilmente lenta. E piena di contraddizioni. Lo racconta un'inchiesta di Agata Pasqualino, redattrice di Step1, che sarà presentata sabato 9 aprile all'ex Monastero dei Benedettini

Redazione Step1

I beni confiscati alla mafia sono un'enorme fonte di ricchezza e un simbolo potentissimo della lotta alla criminalità organizzata. Con la confisca viene colpito il patrimonio e la potenza economica dell'organizzazione, indebolendo il suo controllo e radicamento sul territorio, e attraverso il riutilizzo sociale dei beni confiscati si riafferma il principio di legalità. Quando questo meccanismo si inceppa o rallenta a causa di ritardi e inefficienze, il simbolo rischia di ribaltarsi e di rafforzare il mito di una mafia invincibile. A Catania, una città che ha bisogno di sviluppo e legalità, la macchina burocratica che si muove attorno ai beni strappati alla mafia è incredibilmente lenta. E piena di contraddizioni.

L'inchiesta “Case loro - I beni di mafia a Catania confiscati e dimenticati” di Agata Pasqualino, ideata e condotta all'interno del Laboratorio Inchieste e video - giornalismo del periodico telematico di informazione Step1- Università di Catania (www.step1.it), in collaborazione con Libera, sarà presentata sabato 9 aprile, alle ore 10:30 nell'aula A6 del Monastero dei Benedettini di Catania. Oltre all'autrice, saranno presenti Dario Montana, presidente della sezione catanese di Libera e fratello del poliziotto Beppe, vittima della mafia, e Giuliana Liuzzo di Fiadda onlus.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×