Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lampedusa: primi rimpatri, tunisini in rivolta

Mentre gli sbarchi non si fermano (due barconi sono arrivati nella notte), al centro di prima accoglienza dell'isola esplode la rabbia dei tunisini alla notizia che i primi loro connazionali sono stati rispediti in Nordafrica

Nelly Gennuso

Altri sbarchi stanotte a Lampedusa. In contemporanea la Guardia costiera ha scortato al porto due barconi. Il primo, con 147 tunisini a bordo tra cui due donne e due bambini di dieci anni, è stato fatto attraccare al porto nuovo dell'isola. Invece il secondo proveniente dalla Libia, su cui viaggiavano 229 migranti subsahariani, ha attraccato al porto vecchio. Su quest'ultimo, insieme ai genitori, c'erano anche quattro neonati. Uno di loro è stato portato al poliambulatorio per controlli. E con lui anche una donna incinta. Gli altri sono stati visitati a gruppi di due e tre all'interno della tendopoli della Croce Rossa. Stamane sono stati arrestati due scafisti, due libici e un egiziano, arrivati sul secondo barcone.

Oggi, alle 13, circa 30 tunisini sono stati rimpatriati. Arrivati su un bus, sono stati sottoposti a meticolosi controlli all'aeroporto. Diversa sorte per gli stranieri partiti dalla Libia. Al momento infatti rimarranno all'ex base Loran, centro che ospita i richiedenti asilo. «Ci sono già 243 persone alla Loran per una capienza di 189. Con questo arrivo la situazione diventa complicata» ci spiega Viviana Valastro, volontaria di Save The Children. E nel frattempo nel centro di accoglienza dell'isola, dopo il rimpatrio dei primi trenta tunisini, è scoppiata la protesta. Uno dei ragazzi rimpatriati stamattina ha chiamato al cellulare un amico rimasto al centro, spiegandogli che era di nuovo a casa: la voce si è sparsa la voce in pochi minuti tra i connazionali. Uno di loro ha poi appiccato un incendio come segno di protesta. E ancora adesso il centro accoglienza è in rivolta. Molti di loro in cerchio urlano «Sicilia, Sicilia» invadendo gli spazi riservati ai minori, mentre i volontari presenti cercano di garantire protezione ai bambini.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×