Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stabile, i lavoratori sono senza stipendio da due mesi
«Andiamo avanti ma istituzioni mantengano impegni»

Sono 29 i dipendenti dell'ente culturale che sono stati pagati, per l'ultima volta, a dicembre. «Continuiamo a lavorare perché sentiamo la responsabilità di proseguire la stagione», dichiarano senza escludere, però, di entrare di nuovo in agitazione «se i soci non si faranno carico dei loro doveri»

Marta Silvestre

È il secondo mese senza stipendio per i lavoratori del teatro Stabile di Catania. Tecnici, amministrativi, personale del botteghino e dell'organizzazione. Sono 29 i dipendenti a tempo indeterminato dell'ente culturale etneo che hanno avuto accreditato a dicembre l'ultimo stipendio. «Diversi ruoli in ogni reparto, ma per tutti la stessa sorte di nuovo - lamenta a MeridioNews uno dei tecnici che lavora per lo Stabile da oltre 36 anni - Dopo le proteste degli anni passati, che ci hanno hanno portato anche a manifestare salendo sul tetto del teatro e occupando la sala Verga, siamo ancora qui. Nelle stesse condizioni ma a portare comunque avanti la complessa macchina che sta dietro l'organizzazione e la realizzazione di ogni spettacolo».  

La nuova amministrazione, guidata dal presidente Carlo Saggio dall'agosto del 2017, «sta mettendo in campo degli sforzi per la ripresa del teatro - dichiara il segretario regionale della Fistel-Cisl Sicilia, Antonio D'Amico - ma saranno vani se i soci non rispettano il pagamento dei fondi dovuti. Chiediamo urgentemente che la città metropolitana invii, anche in parte, la somma per consentire il proseguimento delle attività». Il contributo annuo a cui si fa riferimento è di circa 250mila euro

«I problemi economici sono legati soprattutto al fatto che i soci non mantengono le promesse di erogazione dei fondi che permettono al teatro di sopravvivere e di funzionare. Certi meccanismi - afferma a MeridioNews  Andrea Bruno, che lavora per il teatro dal 2005 - vanno troppo per le lunghe e ci costringono a stare bloccati in questo limbo di difficoltà finanziaria a cui cerchiamo di resistere già dal 2012». Oggetto delle accuse di sindacato e lavoratori sono le istituzioni. Che coincidono, tra le altre cose, con i soci dell'ente teatro di Sicilia: il Comune di Catania, la Regione e la ex provincia di Catania su tutti.

«Gli stipendi che percepiamo normalmente non ci permettono di mettere da parte molto per gestire delle situazioni di emergenza come questa - spiega uno dei lavoratori - e, specie fra le famiglie monoreddito, c'è chi è già in una piena condizione di allarme rosso, con problemi per il pagamento delle bollette o della benzina che ci serve anche per continuare a venire quotidianamente a lavoro. Alcuni di noi sono sull'orlo della disperazione». Sulla fase successiva bocche ancora cucite anche se i lavoratori non escludono di entrare in stato di agitazione

«Per il momento continueremo a lavorare perché sentiamo la responsabilità di espletare le nostre attività per permettere al teatro di portare avanti la stagione, rispettando l'impegno preso con gli abbonati. Salvare il teatro - aggiunge il dipendente - non è solo salvare il nostro posto di lavoro, ma è un dovere nei confronti della città perché lo Stabile è di tutti i catanesi. Noi, nonostante i notevoli sacrifici che stiamo chiedendo anche alle nostre famiglie, stringiamo i denti finché possiamo ma - conclude - è chiaro che abbiamo bisogno che i soci si facciano carico dei loro doveri».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×