Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Se a fare notizia è solo l’estremismo

Tre giornalisti, due stranieri – l’iracheno Laith Mushtaq e la palestinese-americana Lamis Andoni e un’italiana, Laura Silvia Battaglia - discutono del rapporto tra religioni e media e del difficile ruolo dei reporter- La rivoluzione di Al Jazeera

Nelly Gennuso

«Non date sempre il microfono ai musulmani estremisti.  Ma lasciate parlare anche chi non lo è» afferma Laith Mushtaq, corrispondente di Al Jazeera (il reporter iracheno che Step1 ha intervistato pochi giorni fa), al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, durante l'incontro tenutosi il 15 aprile dal titolo «Le religioni raccontate dai media». Un dibattito in cui si è cercato di capire la maniera e i modi con cui i giornalisti potrebbero o dovrebbero raccontare gli scontri religiosi, avvicinandosi sempre più alla verità, al di là della loro confessione e degli interessi delle testate giornalistiche  per cui lavorano.

«Sono musulmano. E sono iracheno. Ma quando svolgo il mio lavoro, sono solo un giornalista» continua Mushtaq. Ad approfondire il dibattito insieme a lui due colleghe Lamis Andoni, giornalista e scrittrice di Betlemme, e Laura Silvia Battaglia, giornalista dell'Avvenire. «Per molti occidentali Betlemme è solo una città biblica. La sua storia però è storia di sofferenza» spiega Lamis Landoni. E continua: «Nel 2002 gli israeliani assediarono Betlemme. I palestinesi musulmani protessero la loro patria impugnando le armi. In quell'occasione molti media dissero che i musulmani erano a Betlemme.  Pochi però si sforzarono di dire che la gente del luogo era assediata». Distorsione dei conflitti e distorsione di notizie  in una realtà che  «i politici tendono a mistificare, rendere un mistero». E i giornalisti in tutto questo? «I media creano stereotipi. Hanno detto che noi iracheni andiamo in giro con i cammelli, anche se da tempo utilizziamo le macchine. E dopo il crollo delle torri gemelle noi musulmani siamo stati etichettati come dei criminali» interviene Mushtaq. «Se noi giornalisti consideriamo nemiche altre religioni diverse dalla nostra, corriamo il rischio di diventare anche noi dei criminali» ammonisce la Landoni.

Durante l'incontro si è parlato anche delle discrepanze tra i media occidentali e quelli del Medio Oriente. Il motivo? Il frutto di una pessima ricostruzione storica dei luoghi oggetti di cronaca da parte dei primi perché vengono trattati svogliatamente dalla stampa.  Ma come mai entrambi i media accendono i riflettori sui Paesi del Medio Oriente solo quando accadono episodi di estremismo religioso? «Parliamo del nostro Paese solo dopo una catastrofe perché molti sono i fattori politici che influiscono» risponde la giornalista a una ragazza del pubblico. «Esiste la storia di un Paese prima, e noi giornalisti abbiamo il dovere di ricostruirla» conclude Laura Silvia Battaglia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews