Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, l'ennesima proroga per Senesi ed Ecocar
La gara settennale toccherà al prossimo sindaco

Per la quarta volta consecutiva sarà prolungato l'affidamento della gestione della spazzatura etnea al raggruppamento d'imprese Sen.Eco.. Prima di alcune settimane non sarà pubblicato il nuovo maxi-bando (pare ritoccato con un importo più alto) e il rischio è che si concluda questa sindacatura senza l'attesa svolta ecologica

Luisa Santangelo

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

I tempi non sono maturi neanche stavolta. A occuparsi della raccolta dei rifiuti nel Comune di Catania sarà, per qualche mese ancora, il raggruppamento temporaneo d'imprese composto dalle ditte Senesi ed Ecocar. Nonostante manchi ancora l'ufficialità, la conferma è arrivata ieri durante una riunione in prefettura. Tenutasi per rassicurare i 105 lavoratori del cosiddetto bacino prefettizio (quelli, cioè, licenziati da altre aziende e in attesa di una ricollocazione) sul loro futuro: da febbraio i loro contratti non sono più stati rinnovati. Già dagli ultimi mesi del 2017 gli operai erano costretti a lavorare a saltare: un mese sì e due no, per non gravare troppo sulle casse di un bando - l'ormai celeberrima gara-ponte - che non ne prevedeva l'assunzione. Adesso, però, sono tutti fermi e non sanno se e quando saranno riconfermati. Nell'attesa, anche loro, che venga pubblicata di nuovo la gara settennale per l'igiene urbana cittadina: l'aggiudicazione del maxi-appalto da quasi 350 milioni di eurosfumata per tre volte - garantirebbe la loro stabilizzazione.

«Abbiamo saputo in diretta che sta per essere nominato nei prossimi giorni un altro commissario per Senesi, che si occuperà soltanto di Catania», dichiara Giacomo Rota, segretario della Cgil di Catania, che ha partecipato all'incontro con la prefetta Silvana Riccio a Palazzo Minoriti. «I commissari di Ecocar, gli unici presenti in rappresentanza delle ditte - prosegue Rota - si sono detti disponibili a continuare con i contratti a tempo determinato per i 105 del bacino prefettizio». Questo, però, a partire dal prossimo rinnovo della gestione al raggruppamento Sen.Eco.. Le due imprese lavorano nel capoluogo etneo da ormai 302 giorni, in virtù di quel mini-bando fatto tra il Natale del 2016 e l'Epifania del 2017. Una soluzione tampone, in attesa dell'affidamento settennale, che però è andata ben oltre i 106 giorni previsti inizialmente, a cui era possibile sommare fino a due rinnovi. Il secondo dei quali si esaurirà il prossimo 1 aprile: quasi uno scherzo per una città che mantiene livelli di raccolta differenziata perfino al di sotto del dieci per cento.

In mezzo a tutto questo, alle due imprese è successo di tutto: dall'arresto di Rodolfo Briganti, rappresentante legale dell'azienda Senesi, a un incastro di interdittive antimafia (due per Senesi una per Ecocar) e inchieste della procura di Catania (vedi alla voce blitz Gorgoni). «L'amministrazione comunale ci ha dato una nuova notizia - aggiunge il sindacalista Cgil parlando coi lavoratori - Sta prorogando il contratto di queste aziende oltre il 31 marzo». A mancare, secondo il leader della Camera del lavoro etnea, sono le rassicurazioni della prefettura a proposito dell'impossibilità, per altri lavoratori, di essere inseriti in questo listino prefettizio. In altri termini, se questo elenco venisse aperto ad altri, chi c'è dentro da più tempo rischierebbe di essere scavalcato nelle possibilità di assunzione. «Propongo uno stato di agitazione - arringa Rota - che per il momento sia solo una protesta, fino alla prossima riunione, che dovrà chiudersi con i rinnovi dei contratti a tempo determinato. Se così non sarà, procederemo con azioni di lotta durissime, per esempio un'assemblea permanente da qualche parte». 

«Stiamo procedendo con una nuova proroga al raggruppamento Senesi ed Ecocar», conferma a MeridioNews l'assessore all'Ecologia Rosario D'Agata. Secondo il componente della giunta guidata da Enzo Bianco, serviranno ancora alcune settimane prima che il bando europeo per i prossimi sette anni di igiene urbana a Catania venga pubblicato di nuovo. Probabilmente con qualche aggiustamento verso l'alto dell'importo complessivo. Da molte aziende, infatti, la procedura era stata valutata «antieconomica» e, quindi, non conveniente. Ammettendo, però, che l'appalto venga pubblicato prima di aprile e che ci siano imprese disposte a partecipare, sarebbe molto difficile arrivare a un'aggiudicazione prima della scadenza del prossimo trimestre affidato a Sen.Eco.. «Ci sono dei tempi da rispettare, lo abbiamo visto in questi anni», conclude D'Agata. Calendario alla mano, da adesso alle elezioni amministrative del prossimo 10 giugno mancano 88 giorni. Per dirla in altri termini: potrebbe essere il prossimo sindaco di Catania a trovarsi tra le mani la più importante gara d'appalto che un'amministrazione comunale possa bandire. 

L'ultimo affidamento di lungo periodo per la raccolta della spazzatura nella città dell'Elefante risale al 2011 (ma la gara era del 2008) e aveva per protagonista il consorzio Ipi-Oikos. Allora il sindaco era l'attuale senatore del centrodestra  Raffaele Stancanelli. A metà 2018, cioè dieci anni dopo la stesura dell'ultima gara esitata e sette anni dopo l'ultimo affidamento, la situazione sarà rimasta pressoché uguale. Solo che nel frattempo ci saranno state due elezioni municipali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews