Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scandalo rifiuti, la sistemazione di figlie e fidanzati
Il «bonaccione 27enne» assunto all'isola ecologica

«Uno scemo completo». Antonio Deodati e Antonio Natoli, indagati entrambi nell'ambito dell'inchiesta Garbage affair, non usano mezzi termini per definire il fidanzato di una figlia del ragioniere generale Massimo Rosso. Al quale sarebbe stato offerto un contratto a tempo indeterminato in virtù dei legami tra Rosso e l'imprenditore romano

Dario De Luca

I figli so' pezzi 'e core. Non solo per Mario Merola, ma anche per Massimo Rosso. Capo della ragioneria del Comune di Catania e braccio destro del sindaco Enzo Bianco, finito indagato per corruzione nell'ambito del presunto malaffare che si sarebbe annidato nella gestione dell'appalto dei rifiuti nel capoluogo etneo. Una vicenda che, parafrasando il famoso criminale Massimo Carminati, si sarebbe svolta tutta sul palcoscenico del mondo di mezzo. Dove allo stesso tavolo avrebbero intrattenuto relazioni faccendieri, imprenditori spregiudicati e amministratori pubblici. Rosso, per garantire il servizio al raggruppamento d'imprese Seneco avrebbe messo al primo posto le due figlie e gli studi universitari a la Sapienza di Roma. «Chi ce la sta pagando?», domandava un uomo intercettato riferendosi alla casa romana mentre parla con l'altro indagato Antonio Natoli. «Ce la sta pagando iddu, Tonino».  Per i magistrati Tonino non sarebbe altro che il re dei rifiuti Antonio Deodati. Pronto, secondo l'accusa, a sborsare 20mila euro l'anno per il soggiorno nella Capitale delle figlie dell'amministratore etneo. 

Tonino però quell'affitto per il suo amico siciliano lo avrebbe voluto mantenere riservato. Almeno questo è quello che ha riferito l'affittuario dell'immobile quando è stato chiamato dagli investigatori a riferire chi ci fosse dietro. Il canone previsto, 700 euro escluse le utenze, sarebbe stato versato direttamente dall'imprenditore. L'accordo, inizialmente previsto per il primo semestre del 2017, è stato allungato con il pagamento di un anticipo per il mese di ottobre. Dopo il faccia a faccia con gli agenti della Direzione investigativa antimafia di Catania il proprietario dell'immobile contatta Deodati, spiegandogli di avere ricevuto un'offerta d'acquisto. Motivo per cui chiede che la casa venga liberata. L'imprenditore, secondo quanto ricostruito nelle carte dell'ordinanza, si sarebbe immediatamente attivato per recuperare un nuovo tetto «per due studenti femmine».

Un capitolo a parte è quello delle assunzioni. Rosso, secondo quanto ricostruito dai magistrati, avrebbe chiesto di mettere a libro paga di Deodati i fidanzati delle figlie. Contratti a tempo indeterminato e, per uno di questi, definito dagli indagati «un bonaccione di 27 anni», sarebbe spettato un posto in un'isola ecologica di Catania. Un ruolo a quanto pare cucito su misura senza particolari responsabilità. Deodati, intercettato, spiegava «di metterlo là, che non lo vede nessuno». Il suo dipendente Natoli replicava: «Uno scemo completo». Epiteto che sottolineava la concessione di un presunto favore che l'imprenditore avrebbe fatto valere al momento dovuto: «Io ti sto facendo una cosa grossa... Tu me la stai facendo pure a me». L'assunzione, scrive il giudice per le indagini preliminari, è poi effettivamente avvenuta a fine gennaio scorso

Il voce del duo Rosso-Deodati viene intercettato anche quando si parla della gara d'appalto. Un appalto della durata di sette anni, inizialmente vinto dal consorzio Ipi-Oikos, e poi gestito in maniera mascherata e di proroga in proroga con modalità emergenziali da Seneco: ovvero Eco.Car e Senesi. Rosso, nonostante il ruolo apicale a Palazzo degli elefanti, avrebbe lavorato anche per Deodati, fornendo consulenze, sbloccando pagamenti ma anche altri genere di servigi. Tra questi, spiegano gli inquirenti, anche la predisposizione dei documenti per la partecipazione al bando settennale del Comune. La maxi-gara da 350 milioni di euro a cui Deodati sarebbe stato interessato e della quale Rosso comunica gli sviluppi: «La gara nuova forse è pronta, adesso esce», dice, intercettato. A dargli l'aggiornamento sull'iter amministrativo dell'appalto sarebbe stato l'ex capo di gabinetto di Enzo Bianco, Giuseppe Spampinato: «Peppe è un amico, un mio amico personale - prosegue Rosso - Lui, come ce l'ho io, ha un buon rapporto con il sindaco. Quindi può essere anche il mezzo per arrivare al sindaco». La raccomandazione al re dei rifiuti laziale, però, è una: «Tu tienilo buono. Non esagerare!».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews